City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Mercoledì 29 Novembre 2017 16:25

Agriconnect: superare il divario digitale nelle zone rurali; agire in tempi rapidi

Digital divide, da superare subito Digital divide, da superare subito

(CIS) - Perugia nov. -"Agriconnect" si è aperto stamattina mettendo a confronto i rappresentanti degli Assessorati regionali all'Agricoltura, Ministero delle politiche agricole, Agenzia per la coesione, Infratel Italia (società in-house del Ministero dello Sviluppo economico e soggetto attuatore dei Piani banda larga e ultra larga) e del Crea. La sessione mattutina si è conclusa con l'intervento del direttore alla Programmazione e all'Agenda digitale della Regione Umbria, Lucio Caporizzi. Nel pomeriggio, attenzione e' stata dedicata agli scenari applicativi basati sulla connettività ad alta velocità, in particolare sull'agricoltura digitale quale "sfida per l'industria meccanica" e la comunicazione "dal campo al web, fra social e Qr Code", sulle applicazioni dei droni Flytop, i servizi per l'irrigazione, la zootecnia digitale, i "big data a supporto del digital farming". Domani, giovedì 30 novembre, i lavori riprenderanno alle 9.30 (sempre all'Hotel Giò Wine e Jazz Area, a Perugia) per un confronto sulla evoluzione della banda ultra larga. Tra gli interventi previsti, anche quello di Paolo Gerli, che dopo la laurea sta facendo il dottorato di ricerca alla Northumbria University, che illustrerà alcune esperienze in aree rurali di Paesi europei, che hanno visto anche agricoltori contribuire direttamente con finanziamenti per dotarsi delle infrastrutture necessarie per accedere alla rete. segue

 

L'assessore Cecchini nel suo intervento ha evidenziato che "accanto agli investimenti per la rete infrastrutturale, l'Umbria, impegnera' la restante quota di oltre 26 milioni destinata al superamento del divario digitale per la realizzazione e il rafforzamento di servizi per l'accesso alla banda larga e ultra larga, per l'uso della rete da parte dei cittadini e delle imprese. L'intervento pubblico servirà a correggere le diseguaglianze sociali e geografiche, a supporto dello sviluppo e anche di una migliore qualità della vita nelle aree rurali". "Il primo problema da risolvere – ha rilevato Guido Bonati, del Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria – è quello di superare il divario digitale nelle zone rurali, sia quello che riguarda le infrastrutture tecnologiche sia relativo alla conoscenza e all'applicazione delle soluzioni tecnologiche per superare anche lo svantaggio competitivo. L'agricoltura sta cambiando e cambierà, diventando sempre più sostenibile e attenta all'ambiente, ad esempio per il contenimento dell'uso di acqua per le irrigazioni, di antiparassitari e pesticidi, per la zootecnia. Tutto sta diventando più 'smart', per cui è importante agire e in tempi rapidi. Per questo motivo abbiamo organizzato questo incontro, per far confrontare - e' detto in una nota - tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione della banda larga e i rappresentanti delle associazioni agricole e individuare insieme i problemi e le soluzioni che sono importanti e urgenti". "Da parte degli agricoltori – ha aggiunto – la domanda di servizi avanzati è molto forte. Il 50% si dice pronto ad adottare tecnologie. Vogliamo perciò anche far conoscere le opportunità che deriva dalla connettività a banda larga, a cosa serve una volta che sarà completato il piano nazionale. Ancora si è molto indietro rispetto all'Europa, poiché in Italia sono il 4,4% ha una connessione a 100 Mbps, a fronte del 24% a livello europeo, e il 41,7% a 30 Mbps, contro una media europea del 76%. Ma ci sono a disposizione cospicui investimenti, per oltre 4 miliardi di euro, di cui circa 400 milioni da fondi della programmazione per lo sviluppo rurale. È importante perciò - ha concluso Bonati - fare rete nel corso dei prossimi anni, proseguendo anche nel lavoro comune fra Regioni e Ministeri delle Politiche agricole e dello Sviluppo economico". fonte com SB abstract


camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information