City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

(CIS) – Roma, apr. – La crisi energetica legata al gas sta modificando i comportamenti della politica italia, che e' stata lungimirante nel quadro degli accordi che l'Eni ha fatto in passato e sugli studi fatti in Africa. Senza gas russo? Con l'Africa e l'ENI possiamo fare a meno di Mosca e Usa. Michele Marsiglia, presidente FederPetroli Italia,ha sottolineato che "il nostro paese ha due jolly da poter calare sul tavolo: Africa e Medio Oriente. Anche se i problemi non mancano. Che ruolo gioca l'ENI in questo scenario complesso? Eni è la nostra fortuna energetica e lo è ancora di più in questo momento: con i rapporti internazionali che ha coltivato, è diventata una delle prime compagnie petrolifere a livello mondiale.......E se la Russia decidesse di razionare il gas? l'Italia può già contare su Algeria e Libia e in prospettiva sull'Africa.fonte com abstract

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia mar.- Uno sciopero del sindacato USB lavoro privato si svolgera' in Umbria sabato 2 aprile. Saranno garantiti per l aprovincia di Perugia i collegamenti nelle fasce orarie: 6:00 / 9:00 e 12:00 / 15:00 per i servizi autobus urbani ed extraurbani, Navigazione Lago Trasimeno, Minimetrò di Perugia, Mobilità alternativa di Spoleto (percorsi meccanizzati dei parcheggi "Spoletosfera" e "Ponzianina-Rocca e Posterna"). Le corse che partono dal capolinea prima dell'orario dello sciopero raggiungeranno comunque il capolinea di destinazione. A Perugia saranno garantiti, con il normale orario, i seguenti servizi: biglietterie di Piazza Partigiani e Stazione FS, l'Ufficio Relazioni con il Pubblico, ascensori e scale mobili. A Spoleto, biglietteria Stazione FS. Lo si legge in una nota delle ferrovie. In provincia di Terni i servizi garantiti saranno nelle fasce orarie: 6:30 / 9:30 e 12:30 / 15:30: Autobus urbani ed extraurbani, Funicolare di Orvieto. Le corse che partono dal capolinea prima dell'orario dello sciopero raggiungeranno comunque il capolinea di destinazione. La Biglietteria Bus Terminal e l'Ufficio Relazioni con il Pubblico di Terni osserveranno il normale orario di servizio. I servizi ferroviari verranno garantiti i nelle fasce orarie: 5:45/8:45 e 11:45/14:45. I Servizi sostitutivi effettuati nella rete Regionale. I servizi con partenza dalla stazione di origine al di fuori da tali fasce orarie non saranno garantiti. In particolare, per le diverse modalità del servizio autobus-treno-autobus, non sarà garantita la continuità del servizio stesso tra le località di origine e fine corsa. Servizi ferroviari effettuati in nome e per conto di Trenitalia nella rete nazionale RFI. Saranno garantiti i collegamenti fra Terni e L'Aquila come indicato nell'orario ufficiale Trenitalia (treni 19705, 19745, 19722 e 19758). Maggiori dettagli o informazioni su www.fsbusitalia.it, oppure telefonando agli Uffici Relazioni con il Pubblico ai numeri 0759637637 – 0744492703

Pubblicato in Economia

 

(CIS) – Perugia mar. - "E' un protocollo di particolare importanza perchè se ora la nostra attività si concentra nel cercare di portare all'Umbria la maggiore quantità di risorse possibili, sarà fondamentale spendere al meglio questi finanziamenti nell'interesse dell'economia umbra. Diamo ad esempio molto rilievo all'attività di formazione che svolgeremo in piena collaborazione con la Guardia di Finanza e che servirà per preparare il nostro personale e dunque permettere alla pubblica amministrazione di vigilare per evitare attività non corrette". Lo ha detto l apresidente della regione Umbria Donatella Tesei che stamane, a Palazzo Donini, sede della Regione Umbria, ha firmato con il Comandante Regionale Umbria della Guardia di Finanza, Generale di Brigata Alberto Reda, un protocollo d'intesa per il rafforzamento delle reciproche azioni a tutela della legalità nell'utilizzo delle risorse finanziarie pubbliche. In particolare, la Regione Umbria metterà a disposizione della Guardia di Finanza informazioni circostanziate relative alla realizzazione dei progetti approvati nell'ambito del PNRR, ritenute d'interesse per la prevenzione e repressione degli illeciti e la successiva valorizzazione in chiave operativa ad opera dei Reparti del Corpo, d'intesa con la magistratura ordinaria e contabile a tutela del credito erariale.   Allo scopo di consolidare procedure operative e di cooperazione efficaci – spiega una nota - , verrà altresì promossa specifica attività formativa, consistente nell'organizzazione di incontri e corsi a favore del rispettivo personale, in sinergia con la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica.  segue

Pubblicato in Economia

(CIS) – Roma, mar. - – L'Associazione Parchi Permanenti Italiani, aderente a Confindustria, ha annunciato l'elezione di Luciano Pareschi in qualità di Presidente per il triennio 2022/2024. Pareschi raccoglie il testimone da Giuseppe Ira, Patron di Leolandia, che ha guidato l'Associazione durante il complesso periodo della pandemia. Pareschi, fondatore e tuttora proprietario di Caribe Bay, noto parco a tema acquatico di Jesolo, e Consigliere del Consorzio di Imprese Turistiche JesoloVenice, è stato eletto lo scorso 23 marzo all'unanimità dall'Assemblea dei Soci, con un duplice l'obiettivo: supportare nell'immediato le imprese del comparto nel difficile ritorno alla normalità e sensibilizzare le istituzioni e le lobby a livello nazionale sulla funzione sociale ed economica dei parchi permanenti, che hanno anche un ruolo strategico per il turismo e per l'occupazione nei territori di riferimento. "Sono stato tra i primi promotori dell'Associazione e per me è motivo di grande orgoglio esserne oggi Presidente – ha dichiarato Luciano Pareschi. Credo molto nella collegialità delle scelte, nell'unità di intenti e intendo proseguire l'egregio lavoro svolto fino ad oggi dal mio predecessore e amico Giuseppe Ira. Il mio intento è ottenere una maggiore attenzione sulle specificità della categoria, anche attraverso la promozione di una vera e propria cultura dei parchi permanenti, ancora latente in Italia, a differenza di quanto accade all'estero. segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia mar. - La FABI Umbria, il sindacato autonomo dei bancari, è sempre in prima linea per contrastare il disimpegno delle banche dal territorio regionale, con le gravi conseguenze sui cittadini, sulle imprese, sui servizi offerti e sull'occupazione. L'iniziativa "Borghi senza banche" portata avanti dalla FABI regionale fin dal 2020 ha visto un momento di significativa importanza con l'invito ai 17 parlamentari umbri a un incontro presso la nostra sede per condividere le nostre analisi e le nostre proposte. Purtroppo, solo 6 parlamentari hanno risposto al nostro invito. Ringraziamo innanzitutto la senatrice Emma Pavanelli e l'onorevole Walter Verini per la gradita presenza, i senatori Fiammetta Modena e Luca Briziarelli e gli onorevoli Anna Ascani e Virginio Caparvi per le cortesi risposte con le quali giustificavano l'impossibilità a presenziare per impegni istituzionali già presi, mentre gli altri non hanno ritenuto di attribuire all' invito l'interesse che a nostro giudizio avrebbe meritato. Riteniamo che i massimi esponenti istituzionali della nostra comunità regionale debbano avere la massima attenzione su un tema come quello della scomparsa delle banche dal nostro territorio per le gravi ripercussioni nei territori e nelle comunità che li hanno eletti. L'incontro tra la delegazione FABI rappresentata dai segretari regionali Anna Minelli, Claudio Cresta, Enrico Simonetti e Leonardo Guerra del coordinamento nazionale quadri direttivi è stato interessante e ci ha permesso di condividere le preoccupazioni per l'evoluzione del sistema bancario della nostra regione che riteniamo possa essere governato e non subito passivamente.  segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia mar. - – "Un confronto proficuo che ci accompagnerà fino al raggiungimento degli obiettivi comuni". Lo ha detto l'assessore Morroni che, al termine della riunione, ha ribadito i punti cardine della costante interlocuzione con il Governo. Infatti si è svolta ieri pomeriggio la cabina di regia regionale sulla tabacchicoltura, convocata dall'assessore all'Agricoltura, Roberto Morroni, che ha fatto il punto sugli esiti delle audizioni recentemente tenute dal sottosegretario all'Agricoltura Gian Marco Centinaio con i rappresentanti delle principali Associazioni nazionali degli agricoltori, le multinazionali del settore tabacchicolo e gli assessori competenti delle regioni a vocazione tabacchicola: Umbria, Campania, Veneto e Toscana. Alla cabina di regia sono intervenuti i rappresentanti della filiera umbra, l'onorevole Filippo Gallinella in qualità di presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, il consigliere regionale Valerio Mancini, i sindaci di Città di Castello e San Giustino, Luca Secondi e Paolo Fratini L'occasione è stata utile per rafforzare l'impegno necessario ad affrontare e superare le difficoltà e le preoccupazioni espresse dal comparto. "La nostra strategia non cambia - ha affermato l'assessore - e come Regione continueremo a sollecitare il Ministero ad agire su due fronti: la sostenibilità economica, intervenendo sull'incremento del prezzo, e la sottoscrizione di accordi pluriennali da parte delle multinazionali". Riguardo all'incremento del prezzo, l'assessore ha ricordato l'importanza dell'analisi oggettiva dei costi realizzata con il coinvolgimento di Ismea.  segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Mondolfo (PU) mar. - Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per la transizione digitale, la partecipazione a fiere e mostre internazionali, per sviluppare l'e-commerce. Sono a disposizione delle imprese marchigiane che vogliono internazionalizzare la produzione e diversificare i mercati di sbocco. Vengono concessi da Simest: la società del gruppo Cassa depositi e prestiti (controllato dal ministero Economia e Finanza) e partecipata dalle principali banche e associazioni di categoria. La Regione Marche e Simest hanno siglato un accordo di collaborazione lo scorso 12 gennaio per promuovere iniziative a sostegno dell'internazionalizzazione delle filiere produttive regionali, in particolare quelle che coinvolgono le piccole e medie imprese. A Mondolfo (PU), presso l'azienda Sodico Snc si è svolto il primo dei tre eventi informativi previsti dall'intesa. Dopo i saluti introduttivi e la presentazione dell'accordo, a cura del vicepresidente Mirco Carloni, assessore all'Internazionalizzazione, per la Simest Francesco Tilli ha presentato le attività della società e Gabriella Severi i finanziamenti agevolati e i contributi a fondo perduto disponibili anche per la nuova operatività del Pnrr. "Questi incontri servono a far conoscere le opportunità sulle quali la Regione sta lavorando per promuovere la crescita internazionale del sistema produttivo marchigiano – ha evidenziato Carloni –. Possibilità concrete su cui costruire iniziative imprenditoriali capaci di agevolare la ricerca di nuovi mercati. Chiara e forte è la volontà della Regione di fare sinergia con il sistema Paese e con tutti gli strumenti finanziari esistenti, declinandoli secondo le esigenze che vengono dal territorio".  segue

Pubblicato in Economia

(CIS) – Ancona, mar. – L'Interporto è un'infrastruttura intermodale fondamentale su cui la Regione punta per lo sviluppo delle Marche. In coerenza con questa visione strategica, fin dall'inizio della nuova legislatura la Regione ha investito per il suo rilancio: è del maggio 2021, ad esempio, la decisione della Giunta di destinare ben 8 milioni di euro per consentire il piano di risanamento di Interporto. Tale risanamento è stato un risultato fondamentale, frutto di un lavoro concreto ed operativo, avvenuto senza protagonismi comunicativi, in un quadro di rigorosa legittimità per garantire la sicurezza nel medio-lungo periodo di questa infrastruttura strategica. La storia di Interporto insegna. E' questo il senso della dichirazione del presidente della regione Marche Francesco Acquaroli. "Attualmente è in corso una trattativa tra privati e la società Interporto per l'insediamento di un hub logistico di caratura internazionale. A tale proposito – ha aggiunto - la Regione sta fornendo tutto il possibile supporto istituzionale per il buon esito dell'operazione, nella piena consapevolezza della sua strategicità economica ed occupazionale per il nostro territorio. La Regione sta esercitando pienamente il suo ruolo di indirizzo e controllo, monitorando giornalmente lo sviluppo dell'operazione, come è noto a tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nella vicenda. segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia mar. - – Aggiornamento per tutte le figure professionali sanitarie che intervengono nei progetti riabilitativi individuali della persona con disabilità ma anche spazio di confronto sui nuovi dispositivi tecnologici oggi disponibili. È anche questo l'executive master "Tecnologie ed ausili per la disabilità", avviato stamani a Villa Umbra e giunto alla quinta edizione. Alta formazione promossa da Regione Umbria e Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica. La prima giornata si è aperta con l'intervento di Raffaele Goretti, Osservatorio regionale sulla condizione delle persone con disabilità. "La quinta edizione del master – ha dichiarato l'Amministratore Marco Magarini Montenero come si legge in una nota – conferma il forte impegno della Scuola nel settore formativo medico sociale e l'attenzione crescente sul mondo della tecnologia ICT applicata all'ambito medicale. Scegliere e personalizzare un ausilio medico, addestrare la persona al suo utilizzo mediante prove e modifiche, eseguire follow-up di verifica sono compiti interdisciplinari che richiedono sempre più operatori preparati e formati in modo specifico".Le persone che hanno bisogno di ausili sono in costante aumento: a causa di incidenti, di malattie, a seguito di forme di invalidità provocate da patologie tipiche dell'età avanzata. I dati epidemiologici mettono in evidenza un incremento progressivo della disabilità totale in Italia: nel 2004 le persone con invalidità riconosciuta erano il 4.5%, nel 2010 il 6.7%, nel 2020 il 7.9%, e nel 2040 si prevede un incremento fino al 10.7% della popolazione. segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia mar. - – "Emergenza Ucraina: impatti e conseguenze per le imprese umbre e l'export made in Italy": è questo il tema dell'evento online promosso da Regione Umbria, Sviluppumbria e Sace che si terrà domani, mercoledì 23 marzo, alle ore 16. Il webinar vuole essere un momento di approfondimento rispetto ai possibili impatti sulle imprese che esportano derivanti dalla crisi in corso. Aprirà i lavori l'Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Umbria, Michele Fioroni, insieme a Marco Mercurio, responsabile SACE Area Centro-Nord. Seguiranno tre interventi tecnici – sottolinea una nota - affidati a Alessandro Terzulli, Chief Economist SACE – Ufficio Studi, che illustrerà la nuova mappa dei rischi SACE 2022: criticità ed opportunità, con focus su export made in Umbria e nuovi mega trend in atto. A seguire interverrà Alessandro Campi, Commissario Straordinario AUR–Agenzia Umbria Ricerche, che esplorerà i nuovi confini della Globalizzazione e dell'Europa: gli equilibri geopolitici e gli effetti economici prodotti dalla emergenza in Ucraina. In conclusione, si discuterà della gestione dei crediti esteri: i servizi di SACE SRV, con l'intervento di Diletta D'Addario, responsabile Recupero Crediti SACE SRV. Modererà i lavori l'Assessore regionale Michele Fioroni. Fonte com abstract

Pubblicato in Economia
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 6 di 547

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information