City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani


(CIS) – Perugia/Roma apr. - Meccanotecnica Umbra, azienda di Campello sul Clitunno leader a livello mondiale nell'ambito della produzione di tenute meccaniche utilizzate prevalentemente nel settore dell'automotive e degli elettrodomestici, ha ricevuto il premio nazionale "Legalità e Profitto Award 2022". Un riconoscimento importante, attribuito dal gruppo editoriale Economy Group in collaborazione con la società di mediazione creditizia NSA e la società di revisione e certificazione contabile RSM, alle imprese che abbiano ottenuto il Rating di legalità e, contemporaneamente, abbiano avuto nel 2020 i bilanci migliori sotto il duplice profilo della redditività e della solidità. Meccanotecnica Umbra è tra le cento imprese italiane "oneste e vincenti", che si sono distinte per la capacità di stare sul mercato da protagoniste ma senza derogare al più rigoroso rispetto delle leggi. La cerimonia di consegna del premio, alla sua prima edizione – spiega una nota - si è svolta al Senato della Repubblica a Roma. A ritirare il prestigioso riconoscimento è stato Massimo Campana, Chief Financial Officer di Meccanotecnica Umbra: "Siamo orgogliosi – ha sottolineato Campana in occasione della cerimonia di consegna – di aver ricevuto questo premio, che testimonia il nostro impegno costante nell'osservanza delle regole. Meccanotecnica Umbra fonda la propria cultura aziendale su valori guida quali la trasparenza dei comportamenti e l'assunzione di una forte responsabilità d'impresa. La legalità rappresenta un elemento imprescindibile, che ispira ogni nostra attività costituendo una leva fondamentale di crescita e sviluppo". Meccanotecnica Umbra, con circa 750 dipendenti e più di 80 milioni di fatturato di vendita in tutto il mondo, adotta ogni strumento utile per coniugare rispetto delle regole e risultato economico, puntando su innovazione, tutela dell'ambiente e un modello organizzativo coerente con i principi di correttezza e trasparenza. Fonte com abstract

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia /Roma, apr. - – L'assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni, interviene in merito "all'importante accordo" siglato oggi tra Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e Philip Morris per lo sviluppo della filiera tabacchicola italiana. "L'Umbria – ha sottolineato Fioroni - diventa sempre più una protagonista della filiera tabacchicola in Italia. Questo è il messaggio che arriva dall'accordo MIPAAF e Philip Morris, che prevede un investimento da 100 milioni di euro in Italia, rivolto a 1.000 imprese agricole di Umbria, Campania, Veneto e Toscana". "L'accordo – ha aggiunto l'assessore - pone al centro sostenibilità, agricoltura 4.0 e formazione di giovani agricoltori, secondo un approccio che sostiene fortemente l'integrazione della filiera agricola e industriale. Un segnale importante, che in parte rappresenta la nostra visione dell'Umbria: una regione dove si può fare innovazione partendo dai settori più tradizionali, promuovendo la creazione di filiere sempre più integrate e attraendo investimenti che quelle filiere le rafforzino". Fonte com abstract

Pubblicato in Economia


(CIS) – Roma, apr. - I potenziali acquirenti di abitazioni, sono stati sempre attenti alla prestazione energetica dell'immobile, ancora di più dopo il primo lockdown quando la permanenza forzata in casa li ha resi maggiormente consapevoli dei costi energetici. Questi ultimi, alla luce anche dei rialzi in corso, saranno sempre più ponderati nella valutazione della scelta dell'immobile. L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le compravendite realizzate attraverso le agenzie del Gruppo in Italia e ha rilevato che, tra il 2019 e il 2021, è aumentata la percentuale di acquisti di abitazioni in classe energetica A: si passa infatti dal 3,0% del 2019 al 4,9% del 2021. Lo si legge in una nota della Tecnocasa. Le classi dalla B alla F mantengono un tasso sostanzialmente costante, mentre si registra una diminuzione della percentuale di compravendite di classe G, si passa dal 59,5% del 2019 al 57,5% del 2021. La classe G rimane comunque la classe energetica più scambiata in Italia, alla luce della vetustà del patrimonio abitativo italiano. Negli anni scorsi una maggiore sensibilità all'argomento era stata rilevata tra gli acquirenti di casa vacanza che, utilizzando l'abitazione solo in alcuni periodi dell'anno, desideravano contenere i costi di gestione dell'abitazione. In generale negli ultimi tempi si inizia a capire come un immobile in classe energetica elevata conserva valore nel tempo, anche in una futura ottica di rivendita. Fonte com abstract

Pubblicato in Economia


(CIS) – Roma, apr. - I potenziali acquirenti di abitazioni, sono stati sempre attenti alla prestazione energetica dell'immobile, ancora di più dopo il primo lockdown quando la permanenza forzata in casa li ha resi maggiormente consapevoli dei costi energetici. Questi ultimi, alla luce anche dei rialzi in corso, saranno sempre più ponderati nella valutazione della scelta dell'immobile. L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato le compravendite realizzate attraverso le agenzie del Gruppo in Italia e ha rilevato che, tra il 2019 e il 2021, è aumentata la percentuale di acquisti di abitazioni in classe energetica A: si passa infatti dal 3,0% del 2019 al 4,9% del 2021. Lo si legge in una nota della Tecnocasa. Le classi dalla B alla F mantengono un tasso sostanzialmente costante, mentre si registra una diminuzione della percentuale di compravendite di classe G, si passa dal 59,5% del 2019 al 57,5% del 2021. La classe G rimane comunque la classe energetica più scambiata in Italia, alla luce della vetustà del patrimonio abitativo italiano. Negli anni scorsi una maggiore sensibilità all'argomento era stata rilevata tra gli acquirenti di casa vacanza che, utilizzando l'abitazione solo in alcuni periodi dell'anno, desideravano contenere i costi di gestione dell'abitazione. In generale negli ultimi tempi si inizia a capire come un immobile in classe energetica elevata conserva valore nel tempo, anche in una futura ottica di rivendita. Fonte com abstract

Pubblicato in Economia

(CIS) – Perugia apr. - Sono stati parecchi gli operatori del settore presenti a Vinitaly; 50 le cantine espositrici. Ad inaugurare lo stand la presidente della reigone Umbria Donatella Tesei insieme al vice presidente Roberto Morroni, al presidente di Umbria Top Wines Massiamo Sepiacci e agli altri parteners e ospiti giunti a Verona per l'occasione tra cui il presidente dell'Asso GalUmbria Eridano Liberti, all'amministratore unico del Parco 3° Marcello Serafini, il presidente Ais Umbria Sandro Camilli e il presidnete del prosciutto di Norcia IGP Bellini. abstract 

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia apr. - E' in rampa di lancio il "Premio Cerevisia" 2022, il prestigioso Concorso nazionale che valorizza e promuove la produzione, il commercio e il consumo delle birre di qualità italiane e che anche quest'anno gode del patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Un Concorso che cresce insieme al movimento della birra artigianale, tanto che la IX Edizione del "Premio Cerevisia" prevede premi Eccellenza, Area Geografica, Design e, novità di quest'anno, numerosi premi per ben 21 stili di produzione, dalle birre aromatizzate alle birre Ipa, dalle Golden alle blanche e così via. Il Comitato promotore del Concorso è composto da Camera di Commercio dell'Umbria, Regione Umbria, CERB (Centro di Ricerca per l'Eccellenza della Birra - Università degli Studi di Perugia), Comune di Deruta e di AssoBirra (Associazione dei Birrai e dei Maltatori). Il Premio Cerevisia si distingue dalle altre iniziative di settore per la sua valenza scientifica, che ne garantisce il percorso valutativo di selezione (esame chimico fisico condotto presso il Cerb e consegna dei certificati di analisi alle aziende), per la competenza della Giuria Nazionale di degustazione, nonché, elemento di rilievo, per la sua matrice di carattere istituzionale che garantisce trasparenza e linearità nei procedimenti. Da notare che, a salvaguardia del prestigio delle aziende, non viene reso noto al pubblico il nome dei partecipanti ma esclusivamente quello delle aziende vincitrici. segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Milano/Ancona, apr. - Taglio del nastro questa mattina per la Borsa internazionale del Turismo di Milano a cui la Regione Marche partecipa all'insegna dello slogan 'Scopri le Marche, terra di emozioni', titolo che racchiude l'idea che le Marche sono sempre una piacevole sorpresa per il turista, anche quando sembra di conoscerle. Ed emozionano, evocando quella linea ideale tra passato e futuro attraverso gli antichi Borghi, scrigni preziosi di tradizioni, valori, leggende e storie. Sono i testimoni intatti del fascino discreto delle Marche e che sono diventati i protagonisti di MArCHESTORIE, festival unico nel suo genere, che già dalla prima edizione dello scorso anno ha tessuto insieme cultura e turismo. Dopo il saluto di benvenuto della Regione Marche agli operatori turistici e la presentazione del programma dell'edizione 2022 del presidente della Commissione consiliare Turismo, Andrea Putzu, di Gianluca Caramanna, consigliere del presidente della Regione e dell'assessore al Turismo della Lombardia Lara Mangoni, in visita allo Stand delle Marche, la Bit 2022 si è accesa sul festival itinerante dei Borghi. L'appuntamento "MarcheStorie. Un affascinante viaggio alla scoperta dell'identità nascosta e segreta dei nostri luoghi" è stato presentato dall'assessore alla Cultura Giorgia Latini, insieme a Pino Insegno (che ha inviato un video saluto), al direttore artistico Marche Storie Paolo Notari e Ivan Antognozzi, Direttore Fondazione Marche Cultura. "Rilanciamo il nostro territorio attraverso la cultura - ha esordito l'assessore regionale Giorgia Latini. - L'obiettivo delle Regione è emozionare il turista, chi viene a visitare il nostro territorio".  segue

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia apr. - – "Gli effetti economici in termini di incrementi del costo dell'energia e delle materie prime derivanti dal conflitto Russia-Ucraina, come noto, stanno interessando parte consistente del sistema produttivo nazionale e regionale. L'Assessorato allo Sviluppo Economico ha attivato interlocuzioni con le associazioni di categoria ed imprese anche del comparto agroalimentare e tra queste con la governance aziendale di Colussi Spa, per acquisire elementi informativi in ordine all'evoluzione della situazione". È quanto ha reso noto l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni. "Dai colloqui di quest'ultima, è emerso – ha dichiarato l'assessore - un quadro di attenta valutazione e monitoraggio degli impatti congiunturali derivanti dai rincari delle materie prime sul ciclo produttivo, per cui l'azienda è impegnata nell'attuazione delle conseguenti ordinarie misure di gestione delle attività produttive e di riallineamento del ciclo delle scorte". Font ecom abstract

Pubblicato in Economia


(CIS) – Perugia/Assisi apr.- "La Lega seguirà da vicino gli sviluppi della vicenda legata all'avvio della cassa integrazione per i 300 lavoratori dello stabilimento della Colussi di Petrignano di Assisi". Lo comunicano il Segretario regionale Lega Umbria, On. Virginio Caparvi e il capogruppo in Consiglio Regionale, Stefano Pastorelli che annunciano la presentazione di una interrogazione parlamentare urgente sul tema."L'aumento dei costi di produzione dovuto all'impennata del costo dell'energia e delle materie prime scaturito dal conflitto tra Russia e Ucraina, ha colpito duramente il tessuto economico nazionale e in particolare il comparto agroalimentare – hanno spiegato Caparvi e Pastorelli –. La fase di crisi ha spinto l'azienda Colussi di Petrignano di Assisi, una delle più importanti imprese alimentari del territorio regionale, a chiedere la cassa integrazione per le prossime tredici settimane a partire dal 4 aprile per i circa 300 lavoratori dello stabilimento. Al fine di scongiurare gravi ripercussioni sul futuro dell'azienda in termini di competitività sul mercato, produzione e livelli occupazionali – hanno concluso i leghisti – come Lega presenteremo una interrogazione urgente rivolta al Ministero dello Sviluppo Economico, oltre a richiedere all'assessorato regionale di riferimento l'avvio di una interlocuzione tra Regione Umbria e vertici aziendali". Ieri sera a Porta Porta, era stata la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni a parlare della cassa integrazione alla Colussi, per il caro energia, chiedendo al Governo ulteriori impegni straordinari per non far chiudere le imprese, oberate di aumenti per il caro energia. Abstract fonte com

Pubblicato in Economia

(CIS) – Perugia apr. - Il brevetto dell'Università degli Studi di Perugia denominato "Reconfigurable Radio-Frequency Distribution Network" è stato presentato tra i finalisti a EXPO Dubai nell'ambito del concorso "Intellectual Property Award 2021". L'invenzione è stata progettata e realizzata da un gruppo di ricerca costituito dalla Dottoressa Valentina Palazzi e dai Professori Luca Roselli, Paolo Mezzanotte e Federico Alimenti, tutti afferenti al Dipartimento di Ingegneria dell'Ateneo perugino, fra le pochissime università del centro-sud Italia ad aver conquistato un posto fra i finalisti in una delle sette macro aree previste, specificamente quella dedicata alla "future mobility". Alla Dottoressa Palazzi è stato affidato il compito di illustrare i tratti salienti del brevetto durante la cerimonia di premiazione tenuta nel Padiglione Italia. L'"Intellectual Property Award 2021" è una competizione - spiega una  nota - volta a incentivare l'innovazione e a valorizzare la creatività degli inventori delle Università italiane, degli enti pubblici di ricerca nazionali e degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico. L'edizione 2021 ha visto la partecipazione di 216 brevetti suddivisi in 7 macro aree tecnologiche: Agritech e Agrifood, Cybersecurity, Artificial Intelligence e Big Data, Green Technologies e Materiali Alternativi, Life Science e Health Care, Aerospace, Fonti rinnovabili, Energia alternativa e Acqua, Future mobility. L'iniziativa è realizzata in collaborazione con NETVAL, un'associazione che raccoglie 64 Università, 15 Enti Pubblici di Ricerca (EPR), 13 Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), 3 fondazioni e 2 agenzie, con il fine ultimo di valorizzare il trasferimento tecnologico dei prodotti degli istituti di ricerca nazionali. segue

Pubblicato in Economia
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 8 di 551

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information