City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

(CIS) – Ancona, 20 gen. – La scuola in presenza al 50% riprendera' nelle Marche il 25 gennaio prossimo; E' confermata il Dad per l'altro 50% degli allievi delle superiori; un piano trasporti e' stato predisposto con 135 bus in piu', operativi. Lo si legge in una nota regionale. "Nei primi giorni dell'anno, con i numeri dei contagi in aumento a seguito delle festività avevamo deciso di posticipare di qualche settimana il rientro in classe di migliaia di studenti delle scuole superiori. Una scelta presa non a cuor leggero ma per grande senso di prudenza, considerato anche che il Governo ha ristretto i parametri per le fasce di colore arancione e rossa. Nel frattempo i dati delle scorse settimane e l'attuale situazione epidemiologica ci hanno confermato un tendenziale miglioramento, seppur lento ma costante, sia dell'incidenza che della riduzione media dei soggetti sintomatici e dunque abbiamo ritenuto di poter approvare il ritorno in classe, seppure al 50%, dei nostri studenti, grazie anche al grande lavoro portato avanti dall'assessore all'istruzione, Giorgia Latini e dall'assessore ai trasporti, Guido Castelli, che in questi giorni si sono concertati con i rispettivi comparti per consentire una maggiore condivisione possibile e un lavoro fatto in sinergia per permettere ai nostri ragazzi di tornare a scuola in sicurezza". Lo ha detto il presidente delle Marche Francesco Acquaroli. "A questo si aggiungono le iniziative già annunciate per migliorare il ricircolo dell'aria negli ambienti scolastici, per cui ringrazio l'assessore Francesco Baldelli, e la possibilità per tutti gli studenti, i docenti e il personale ATA di sottoporsi gratuitamente, da oggi, al tampone antigenico rapido nelle sedi dove è attivo lo screening di massa e per il quale ringrazio il lavoro dell'assessore Filippo Saltamartini e degli operatori sanitari impegnati".  segue

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Ancona, gen 20 - Un lavoro di grande sinergia con le aziende del trasporto e un impegno importante coordinato dall'assessore ai Trasporti Guido Castelli ha consentito il potenziamento del trasporto pubblico in vista dell'imminente ritorno in classe degli alunni delle scuole superiori. L'assessore, impegnato in una serie di video-riunioni con il mondo dei trasporti e quello della scuola, in questo caso insieme all'assessore Giorgia Latini, ha ribadito che "lo Stato deve impegnare più risorse sul fronte dei trasporti", ricordando che le Marche sono l'ultima Regione italiana per trasferimenti statali relativamente al TPL. "Per garantire i 134 autobus aggiuntivi necessari alle esigenze scolastiche fino al termine dell'anno scolastico – ha affermato Castelli – la Regione Marche avrà bisogno di un finanziamento tra i 10 e i 12 milioni di euro. Ad oggi lo Stato ne ha assegnati alle Marche appena 6, la metà di quanto necessario per implementare servizi che viaggeranno al 50 per cento dei posti disponibili. Il sistema trasportistico regionale ha subito perdite da pandemia per 33 milioni, 16 dei quali coperti con le risorse del bilancio regionale. segue

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Perugia 277 nuovi casi di contagio; 4.605 gli attualmente positivi; i tamponi processati 3.576 che portano il tasso di positivita' al 7,7%. I decessi sono in crescita: oggi 8 (che portano un totale di 714 persone, contro le 706 di ieri). Gli 8 decessi sono stati segnalati provenienti da Perugia (3), Magione (2), uno ciascuno, Gubbio, Deruta, Panicale. Sono questi i dati del bollettino regionale di oggi 20 gennaio. Meno persone ricoverati oggi 329, ieri 339 quindi -10; in terapia intensiva -1 ricovero rispetto a ieri quando erano stati conteggiati 47 unita', oggi 46 quindi. Gli usciti dall'isoalmento sono 6.093; i tamponi processati da  inizio pandemia 556954, contro i 553.378 di ieri. Il piano vaccinazioni prosegue in Umbria con il personale sanitario come da norme e quello delle RSA che devono assistere gli anziani. E' stato usato il farmaco di Moderna. Sono una settantina quelli che hanno gia' fatto il vaccino, mentre sono stati gia' eseguiti i richiami con la seconda dose del vaccino Pfizer a coloro che si erano vaccinati a fine dicembre, primi di gennaio. Monitoraggio continuo per le RSA, sia a Citta' di Castello che a Magione, dove il sindaco Chiodini ha disposto la chiusura dei parchi pubblici, fino al 15 febbraio. Il sindaco di Citta' di Castello Bacchetta ha comunicato che ieri sono stati 28 i guariti, a fronte di 6 nuovi casi positivi. Ha anche annunciato che le Farmacie effettueranno per gli studenti (14-19 anni) test antigenici. Intanto sono state annunciate per il 22, venerdi', donazioni di mascherine e DPI ai vari reparto e unita' dell'Ospedale di Perugia. fonte com abstract 

Pubblicato in Cronaca

(CIS) - Ancona, 20 gen. - Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 7.122 tamponi: 4.876 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.955 nello screening con percorso Antigenico) e 2.246 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari all'8,6%).I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 417 (86 in provincia di Macerata, 135 in provincia di Ancona, 76 in provincia di Pesaro-Urbino, 65 in provincia di Fermo, 38 in provincia di Ascoli Piceno e 17 fuori regione). Questi casi  - si legge in una nota - comprendono soggetti sintomatici (46 casi rilevati), contatti in setting domestico (84 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (158 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (18 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (17 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (10 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (16 casi rilevati), screening percorso sanitario (4 casi rilevati). Per altri 64 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 2955 test e sono stati riscontrati 62 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 2%. Fonte com

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Perugia 20 gen. - Altri 4 progetti dell'Unità di ricerca, oltre a Omega Rabbit, hanno riscosso apprezzamento sul piano scientifico; hanno ottenuto circa 1.300.000 euro di fondi nazionali ed europei. Le ricerche sulle quali lavora l'Unita' dell'ateneo perugino sono: 1) Tutela della biodiversità delle razze avicole italiane, svolta in collaborazione con 4 università italiane: Padova, del Molise, Pisa, Torino; 2) Use of local chicken breeds in alternative production chain: welfare, quality and sustanaibility, in collaborazione con 4 Università italiane – Torino, Padova, Bologna, Milano - con lo scopo di recuperare e valorizzare razze avicole italiane sia da carne che da uova (Bionda Piemontese e Robusta Maculata); 3) Innovative tools for assessment and authentication of chicken and beef meat, and dairy products' qualities che vede coinvolti 21 partner appartenenti a 9 paesi europei, che ha lo scopo di effettuare un'approfondita valutazione multicriteria delle relazioni esistenti tra i sistemi di allevamento e le caratteristiche intrinseche di qualità dei prodotti di origine animale; 4) Poultry and pig low-input and organic production systems' welfare che ha l'obiettivo di creare, attraverso una cooperazione tra più soggetti (approccio multi-attore), soluzioni per migliorare il benessere di polli e suini allevati con sistema biologico e/o produzioni estensive a basso impatto. Al progetto partecipano 23 partner di 8 paesi Europei: Italia, Francia, Germania, Olanda, Belgio, Romania, Regno Unito e Danimarca. segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia 20 gen. - Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari dell'area del Mediterraneo e rispondere ad alcune delle grandi sfide che si giocano in queste regioni, a cominciare da quella dell'alimentazione. Lo studio vede impegnato un gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (Settore Scientifico Disciplinare AGR/20 - Zoocolture) dell'Università degli Studi di Perugia del quale fanno parte i professori Associati Cesare Castellini e Alessandro Dal Bosco, le ricercatrici post-DOC Simona Mattioli e Alice Cartoni Mancinelli, la dottoranda al terzo anno Elisa Cotozzolo, l'assegnista di ricerca Claudia Ciarelli, il responsabile delle strutture sperimentali Giovanni Migni e i tecnici Osvaldo Mandoloni e Cinzia Boldrini. L'Unita di ricerca perugina – spiega una nota - partecipa al PRIMA RIA & IA - PART II dal titolo "Omega Rabbit: food for health Benefit" che vede come Paesi partecipanti l'Italia (capofila Università di Milano - Prof. Gabriele Brecchia e con la presenza appunto dell'Università degli Studi di Perugia), la Francia, la Tunisia e l'Egitto. segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Roma, gen. 19 – I nuovi casi oggi sono 10.497 a fronte di 254.070 tamponi processati; ieri erano stati 8.824 (158mila tamponi) con 377 decessi, ma oggi pressoche' raddoppiati, 603 vittime. il tasso di positività è del 4,1%, con meno ricoverati (-185 unita') e -57 soggetti in Terapia intensiva che portano ad un totale di 2.487 ricoverati;  aumentano i guariti, di 21.428 unità. Sono questi in sintesi, i dati del bollettino del Ministero della salute. E' sempre con 1.641 nuovi casi la Sicilia  a preoccupare le autorita' sia regionali che nazionali e proprio nell'Isola si conta l'ultimo medico deceduto, uno specialista reumatologo che fa salire il totale a 293, come scrive TelevideoRai. Nella lista delle regioni viene il Lazio con 1.100 casi e 59 decessi; 13mila circa i tamponi processati; a Roma città sono quasi quota 500 i nuovi casi di contagio. In Emilia-Romagna si contano 1.034 casi e 75 decessi; 1.947 sono i guariti, con un calo di ricoveri sia generali (-44) che in T.I. (-6) su 232 ricoverati. Il Veneto, conta 957 nuovi positivi, ma un numero alto di decessi: 162. Anche qui (-58) i pazienti Covid nei reparti non critici, e 339 (-15) nelle terapie intensive. L'elenco vede la Puglia con 850 positivi nuovi casi e 16 decessi; la Campania 651 casi e 34 decessi (16 nelle ultime 48 ore), ma con un rapporto positivi-tamponi in discesa: 6,89%. Con 359 nuovi casi di contagio, si inseriscono le Marche; il Servizio Sanità della Regione ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 4.502 tamponi: 2.481 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.002 nello screening con percorso Antigenico) e 2.021 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 14,5%). I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 359 (57 in provincia di Macerata, 115 in provincia di Ancona, 107 in provincia di Pesaro-Urbino, 38 in provincia di Fermo, 22 in provincia di Ascoli Piceno e 20 fuori regione). segue

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Magione Gen 19 – Una vera e propria caccia al nemico degli animali si e' aperta a Magione, un centro a 20 chilometri dal capoluogo, dopo il ritrovamento e una prima segnalazione da parte di un cittadino a passeggio con il proprio cane. Sono stati rinvenuti infatti esche "confezionate" con chiodi e legno, nonche' spilli e viti, a forma di wurstel e con la stessa pasta, con l'intento di far morire il cane che lo avrebbe ingerito. Sul posto è intervenuta la polizia locale, in via Sacco e Vanzetti, la strada 75 bis che conduce a Magione. Il pericoloso boccone era stato posizionato nell'area verde posta tra il marciapiede e la strada. L'uomo, che si è immediatamente accorto della pericolosità del boccone riuscendo ad evitare che il cane lo mangiasse, ha avvertito appunto la polizia locale. Gli agenti intervenuti sul posto hanno predisposto la segnaletica indicando la zona potenzialmente pericolosa. Nel posizionare i cartelli sono stati ritrovati altri bocconi realizzati con la stessa tecnica, che se ingeriti avrebbero provocato il decesso dell'animale per emorragie interne. "Un vero atto di barbarie – è il commento degli agenti che hanno eseguito la bonifica –. Purtroppo, pur avendo effettuato un'accurata ricognizione di tutta l'area non possiamo garantire che chi ha preparato e posizionato le esche non lo abbia fatto in altre zone quindi raccomandiamo la massima prudenza nel portare a passeggio i cani e di segnalare immediatamente laddove se ne trovassero altre". Per due cani di proprietà di residenti nella zona dove è avvenuto il ritrovamento che hanno ingerito i wurstel riempiti di chiodi e spilli, uno e' stato sottoposto ad intervento per l'altro si stanno aspettando gli accertamenti. abstract fonte com 

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Perugia/Pesaro, 19 gen. - Quarantanove telecamere, duemila metri di cavo, quattro monitor di supervisione e otto switch di rete dedicati alla videosorveglianza. Sono solo alcuni dei numeri del nuovo sistema di videosorveglianza realizzato da Umbra Control, azienda perugina specializzata in integrazione di sistemi, alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, punto di riferimento per i grandi spettacoli ed eventi organizzati nel Centro Italia e lungo la costa Adriatica. Il sistema di Umbra Control, voluto dall'amministrazione comunale di Pesaro e dalla società di servizi Aspes spa che gestisce l'Arena, contribuirà allo svolgimento in piena sicurezza delle manifestazioni che torneranno ad essere ospitate nell'impianto sportivo al termine dell'emergenza sanitaria. "È un orgoglio per noi – ha affermato il responsabile commerciale di Umbra Control Mauro Marchi, come si legge in una nota – aver lavorato presso una delle strutture più grandi d'Europa nel suo genere, dove peraltro possiamo dire di aver trovato un ambiente sinergico e pronto al cambiamento. L'impianto di videosorveglianza posto a servizio della Vitrifrigo Arena è uno strumento all'avanguardia in ogni suo dettaglio". Costituito da un sistema basato su rete IP, il sistema messo a punto dall'azienda umbra ha come componenti fondamentali delle telecamere ad alta risoluzione, per un totale di 46 dispositivi (da 4 megapixel e 8 megapixel) di tipo bullet e minidome con ottica fissa, e un totale di tre dome PTZ brandeggiabili, cioè con possibilità di variare l'inquadratura di ripresa ed effettuare zoom in base alle necessità di sicurezza. segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Ancona, 19 gen. - Da oggi (martedì 19 gennaio) gli agricoltori possono prelevare, presso i distributori abilitati, l'anticipo del gasolio agricolo. Il Siar (Sistema informativo agricolo regionale) rende possibile l'erogazione automatica del 50% massimo del quantitativo di carburante prelevato lo scorso anno, senza l'obbligo di presentare la richiesta. Lo prevede una delibera adottata dalla Giunta regionale, su proposta del vicepresidente Mirco Carloni, assessore all'Agricoltura. Introdotta a titolo sperimentale e poi confermata come misura di contenimento del Covid, evitando agli agricoltori di recarsi nei Centri di assistenza delle organizzazioni agricole o in Regione per la rendicontazione preventiva dei fabbisogni – spiega una nota - la semplificazione amministrativa di assegnazione del gasolio fiscalmente agevolato è operativa anche nel 2021. "Il permanere dello stato di emergenza suggerisce di continuare con l'anticipo al 50 per cento della quantità prelevata nel 2020. Questo per evitare assembramenti negli uffici e per garantire una misura di sostegno indiretta agli agricoltori, rappresentata dalla semplificazione delle procedure di assegnazione. segue

Pubblicato in Cronaca
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 1072

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information