City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani


(CIS) – Perugia/Ancona, set. - Importante crocevia della stagione, per il folignate Francesco Fanari, questo fine settimana, impegnato al 27° Rally Adriatico-Marche, terza prova del Campionato Italiano Rally Terra, a Cingoli, in provincia di Macerata. Dopo l'avvio sofferto in Valtiberina e dopo anche il decimo posto assoluto con l'amaro in bocca del "San Marino", per il portacolori della scuderia Project Team si apre giocoforza il terzo scenario stagionale, anche penultima prova del Campionato, sugli sterrati marchigiani, nel quale c'è "obbligo" di invertire la tendenza e cercare un buon risultato per non perdere il contatto con i vertici della classifica. Classifica bugiarda, sino ad ora, per il pilota di Foligno, che alla vigilia della stagione – sottolinea una nota - sperava di essere tra i possibili protagonisti della corsa al tricolore su strada bianca, mentre la realtà è stata costantemente in salita, cercando di adattarsi al meglio alle strade incontrate ed ai set-up da adottare. Con la consueta Skoda Fabia R5 del Team Step Five Motorsport, gommata Pirelli, ora è pronto ad affrontare l'impegno sul "Tetto delle Marche", dal quale manca da ben tredici anni (ultima apparizione nel 2007, nel contesto della Subaru Cup, a parte alcune partecipazioni più recenti al Rally delle Marche) con la concreta voglia di riscatto, soprattutto capitalizzando il buono tratto dalle prime due gare affrontate. Da questo rally arriva un nuovo copilota, l'esperto toscano, di Lucca, David Castiglioni. Si avvierà una collaborazione pronta a guardare lontano e cercare risultati importanti per quest'ultima parte di stagione, già lavorando in ottica 2021 e certamente l'esperienza del co-driver lucchese avrà un ruolo fondamentale nella programmazione. "Dopo due gare certamente migliorabili sotto molti aspetti – ha commentato Francesco Fanari – arriviamo nelle Marche dopo una profonda riflessione su tutto quello che abbiamo lavorato in due gare per trovare nuovi presupposti e cercare di portarsi in posizioni che credo siano alla nostra portata. segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Gubbio set. - – Sono quattro i nuovi casi a Gubbio di coronavirus, tutti in quarantena domiciliare. Oltre cento tamponi effettuati e sono negativi. Le autorità sanitarie competenti – si legge in una nota – hanno segnalato quattro nuovi casi di positività al Coronavirus di altrettanti cittadini registrati nelle ultime ore, che si aggiungono ai quattro delle scorse settimane portando così a otto il numero complessivo di persone positive al Covid-19 nel territorio eugubino."Legati a questi casi di positività – ha spiegato oggi il sindaco Filippo Stirati – si registrano un centinaio di quarantene fiduciarie, che riguardano naturalmente persone venute a contatto con i soggetti risultati positivi. Tutte le persone positive al Covid nel nostro territorio – ha aggiuntoStirati – presentano una lievissima sintomatologia e stanno quindi trascorrendo a casa la quarantena". Dall'Asl arriva anche un segnale incoraggiante: "Dal centinaio di tamponi fatti nelle ultime 24-48 ore – ha annunciato il sindaco – non risulta alcun caso di positività, segno che stiamo riuscendo a contenere il diffondersi dei contagi". Tra le persone in isolamento preventivo ci sono anche i compagni di classe e i professori dell'allievo del liceo Mazzatinti risultato positivo al Covid, ma residente fuori Comune e quindi non annoverato tra i casi dell'eugubino dichiarati dalla Asl. Stirati ha dichiarato: "La negatività dei moltissimi tamponi eseguiti nelle ultime ore è il segno che stiamo contenendo i contagi" Fonte com

Pubblicato in Cronaca

 (CIS) – Perugia set.- In relazione agli accertamenti in corso l'Università per Stranieri di Perugia ribadisce la correttezza e la trasparenza delle procedure seguite per l'esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez e confida che ciò emergerà con chiarezza al termine delle verifiche in corso. E' questa la posizione dell'ateneo per stranieri di Perugia in relazione agli esami sostenuti dal calciatore Suarez, dopo l'annuncio da parte della procura della Repubblica del capoluogo Umbro (una nota a firma di Raffele Cantone) che nel corso di indagini su fatti all'universita' per stranieri "sono emerse irregolarita' nella prova di certificazione della lingua italiana svolta il 17 settembre scorso dal caciatore uruguagliano Luisi Alberto Suarez Diaz, necessaria – e' detto nella nota della procura - all'ottenimento della cittadina italiana". Dalle attivita' investigative e' risultato che gli "argomenti oggetto della prova d'esame sono stati preventivamente concordati con il candidato e che il relativo punteggio – scrive ancora il procuratore Cantone nella nota – e' stato attribuito prima ancora dello svolgimento dellastessa, nonostante sia stata riscontrata nelc orso delle lezioni a distanza svolte dai docenti dell'ateneo, una conoscenza elementare della lingua italiana".  Nella giornata odierna i militari della GDF stanno procedendo ad acquisizioni documentali, presso gli uffici dell'Universita', finalizzate al riscontro delle condotte sopra descritte, nonche' alla notifica di informazione di garanzia (5 persone sono state  indagate tra cui la Rettrice e il Direttore generale) per i reati di rivelazioni di segreti d'ufficio, falsita' ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici ed altro". I Pm incaircati alle indagini sono Paolo Abbritti e Gianpaolo Mocetti.  fonte com abstract 

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Ancona, set. - Francesco Acquaroli (RicostruiAmo le Marche - centrodestra) ha superato il 49,06% delle preferenze, (scrutinate 1.119 sezioni elettorali marchigiane su un totale di 1.576) distanziando gli altri candidati come rilevato dall'Ufficio elettorale della Regione Marche, ed e' il nuovo presidente della regione. "Un risultato storico, grazie al quale vogliamo recuperare la frattura tra istituzioni e territorio, per dare risposte concrete e attese dalla comunità marchigiana". Sono le prime parole da governatore delle Marche che il nuovo presidente della Regione, Francesco Acquaroli, ha pronunciato nella sala stampa allestita a Palazzo Leopardi. Un saluto e un ringraziamento, accompagnati dall'anticipazione delle priorità che guideranno il nuovo esecutivo: "Ricostruzione; impegno per superare la crisi economica; una riforma sanitaria rispondente, con equilibrio, alle esigenze di tutti i territori; lavoro; dialogo forte con il mondo produttivo, l'associazionismo professionale e le parti sociali. Sarà un dialogo importante per tutta la regione, che sottolineerà lo spirito con cui ci approcciamo a parlare con i cittadini, convinti che, i prossimi, saranno cinque anni avvincenti. Anni sicuramente difficili, perché difficile è la situazione generale. Ma siamo convinti che quando si agisce per recuperare un rapporto e rilanciare una visione, saranno in tanti a darci una mano. Un grazie a tutti i marchigiani che ci hanno sostenuto e spinto, che hanno voluto puntare su un cambiamento, testimoniato dalla crescita dell'affluenza alle urne e dal voto che, per la prima volta, hanno voluto darci. Ci sentiamo responsabili e vogliamo mostrare loro tutta la nostra responsabilità con il nostro impegno e il nostro lavoro". Dopo lo scrutinio di 1.119 sezioni elettorali marchigiane su un totale di 1.576 , queste le percentuali dei voti assegnati ai candidati presidenti, rilevate dall'Ufficio elettorale della Regione Marche. Queste le percentuali (non definitive) Francesco Acquaroli (RicostruiAmo le Marche): 49,06%, Maurizio Mangialardi (Insieme Marche): 37,13%, Gian Mario Mercorelli, (Movimento 5 Stelle): 8,70, Roberto Mancini (Dipende da Noi): 2,42%, Fabio Pasquinelli (Lista Comunista! Per le Marche): 1,42% Sabrina Paola Banzato (Vox Italia-Marche): 0,56%, Anna Rita Iannetti (Movimento 3V Libertà di scelta): 0,55%, Alessandra Contigiani, (Riconquistare l'Italia): 0,16%. Fonte com reg.

Pubblicato in Cronaca

(CIS) - Roma, set.- 1.350 rispetto a ieri, +0,4%; ieri +1.587: sono questi i pazienti contagiati in Italia; le persone decedute sono salite di 2 unita': 17 contro i 15 di ieri. I tamponi effettuati sono di meno di 27.556 unita'. Ieri erano stati 83.428. In Italia, dall'inizio dell'epidemia di coronavirus, almeno 299.506 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2. I dati sono stati forniti dal Ministero della Salute; i pazienti ricoverati con sintomi sono 2.475 (+110, +4,6%; ieri -15), di cui 232 in terapia intensiva (+10, +4,5%; ieri +7). abstract fonte ccom

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Cascia set. – Un segno di speranza per la ripartenza, ma anche per la necessaria ricostruzione delle zone della Valnerina colpite dla sisma. Ieri Domenica 20 ottobre nel piazzale antistante il Centro di Comunità "Santa Maria della Visitazione" a Cascia l'arcivescovo di Spoleto-Norcia ha presentato i nuovi parroci di Cascia, Poggioprimocaso e il Pian di Chiavano: don Canzio Scarabottini (parroco e pro-rettore di Roccaporena, incarico che mantiene), don Alessio Kononov (che già svolgeva servizio nel casciano), don Bartolomeo Gladson Sagayaraj (che era parroco di Cortaccione di Spoleto). Queste tre presbiteri avranno la cura pastorale anche di Poggiodomo e Monteleone di Spoleto, comunità nelle quali faranno ingresso domenica prossima, 27 ottobre. Con il Presule e i tre nuovi parroci hanno concelebrato don Renzo Persiani parroco emerito di Cascia, don Giuliano Medori parroco emerito di Poggioprimocaso, don Saverio Saveri parroco emerito di Poggiodomo e Monteleone di Spoleto, mons. Vincenzo Alimenti canonico della Cattedrale di Spoleto, padre Luciano De Michieli neo rettore della Basilica di Santa Rita in Cascia, padre Bernardino Pinciaroli rettore uscente della Basilica di Santa Rita e un altro padre agostiniano. Ha animato la liturgia la Corale "Santa Rita" di Cascia. Molti i fedeli presenti, tra cui il sindaco Mario De Carolis e quello di Monteleone di Spoleto Marisa Angelini.  segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Gubbio set. - – Gubbio ospitera' da mercoledi' un Festival bello, sicuro e già sold out: a marzo o aprile sembrava impensabile, eppure il Festival del Medioevo 2020 non solo si farà, e si farà in tutta sicurezza, ma ha già registrato il tutto esaurito per tutti i cinque giorni della sua durata. La sesta edizione della manifestazione dedicata all' "età di mezzo", che si terrà a Gubbio a partire da mercoledì 23 settembre fino a domenica 27 settembre; è stata presentata questa mattina in conferenza stampa nella Sala Consiliare di Palazzo Pretorio, alla presenza dell'organizzatore del festival, Federico Fioravanti, del sindaco di Gubbio Filippo Stirati e dell'assessore alla Cultura e al Turismo Oderisi Nello Fiorucci. "Nei giorni più difficili della pandemia pensare al Festival sembrava quasi un miraggio – ha esordito il sindaco Stirati – ma oggi siamo qui a presentare una manifestazione che non solo torna, ma torna in presenza e con una carica di aspettative e di attese forse più forte che mai. Siamo riusciti a mettere in piedi un Festival che ha saputo organizzarsi per garantire la massima sicurezza e, nel contempo, la consueta presenza di studiosi e studiose di livello altissimo. Una prova di coraggio e tenacia, che ci sta già premiando con le prenotazioni". Federico Fioravanti, giornalista professionista, gia' direttore di quotidiani, organizzatore della manifestazione, ha sottolineato "il tutto esaurito registrato dal Festival prima ancora di cominciare. Le normative di contrasto al Covid-19 ci hanno obbligato a gestire le sessioni di intervento su prenotazione, e, di fatto, con le prenotazioni effettuate on-line siamo già sold out. Siamo felici, orgogliosi e grati al Comune agli sponsor privati che ci hanno sostenuto quest'anno più che mai. Riuscire a organizzare il Festival in presenza ci consente di non dover rinunciare all'essenza stessa della manifestazione, pur garantendo la massima sicurezza dello svolgimento di ogni sessione convegnistica o serata correlata al Festival". segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia set. - - "Abbiamo approvato un nuovo modello organizzativo del drive-through che ci consentirà di incrementare l'efficacia e l'efficienza del sistema di sorveglianza umbro. Il modello drive through ha infatti dimostrato la piena validità nell'interrompere la catena dei contagi da Covid 19 ed è per questo che abbiamo puntato ad allargare la platea dei destinatari e quasi a raddoppiare le sedi di prelievo sul territorio regionale in cui oltre al tampone orofaringeo si eseguiranno test rapidi": lo ha detto l'assessore alla Salute della Regione Umbria Luca Coletto commentando l'approvazione da parte della Giunta regionale del nuovo modello organizzativo drive-through. "Al servizio – ha spiegato l'assessore, come in una nota – si accederà su prenotazione, così da garantire una pianificazione dell'intervento assistenziale e tempi di attesa considerevolmente ridotti. Il drive through – ha aggiunto – rappresenta un modello vincente in quanto permette di gestire tempestivamente i casi sospetti di COVID-19 su soggetti asintomatici, segnalati dai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica, riducendo l'affollamento dei siti di prelievo con conseguente minor rischio di trasmissione del virus agli operatori sanitari e agli utenti".Tra le categorie che potranno avere accesso alla esecuzione del drive through rientrano i soggetti asintomatici provenienti dalle aree infette (individuata da specifici provvedimenti nazionali e/o regionali) iscritti in specifico portale; soggetti in isolamento domiciliare volontario in quanto contatti di un caso; chi si deve sottoporre al test in attesa di ricovero programmato e le categorie di persone da sottoporre a sorveglianza. Per quanto riguarda l'esecuzione del test rapido sierologico presso i drive-through questo è rivolto al personale scolastico, appartenente ai servizi essenziali (Forze dell'Ordine, ecc.), dipendente e/o convenzionato del SSR, personale delle strutture sanitarie territoriali e delle comunità e le categorie individuate rispetto al contesto epidemiologico. Al test rapido antigene avranno accesso i Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Medici di Continuità Assistenziale e i Soggetti asintomatici in isolamento domiciliare dopo rientro da un paese che prevede tale misura alla fine del periodo di isolamento. Fonte com abstract

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Gubbio set. - "Una città per cantare": 25 artisti in campo per aiutare chi fa fatica ad arrivare alla fine del mese e per famiglie in difficolta'. "Dai giovani coinvolti un esempio di creatività e generosità. E un messaggio di speranza per tutti" ha detto il sindaco di Gubbio, Stirati. Un altro viaggio, un altro orizzonte possibile, una città dove poter cantare e sperare ancora: è questa l'idea che ha messo insieme 25 artisti eugubini nel periodo più buio dell'isolamento del lockdown. I giovani musicisti e cantanti, seppure a distanza, hanno dato vita a un progetto dedicato alle famiglie del territorio in difficoltà proprio a causa del lungo stop della scorsa primavera. Un giro di telefonate, webcam, cellulari, la voglia di tornare a cantare insieme e, nel contempo, di dare un piccolo contributo per una causa importante: così è nato "Una città per cantare", il video presentato il 18, nella sala dell'ex Refettorio della Biblioteca Comunale. Il video è online sul canale YouTube del Comune di Gubbio, al link https://www.youtube.com/watch?v=T1yoGmuqEsk. "Eravamo verso la fine della quarantena, anche se ancora ovviamente non lo sapevamo - ha spiegato Letizia Morelli, ideatrice del progetto - erano giorni davvero incerti, e il poter fare qualcosa di bello per la città e per noi stessi probabilmente ci ha dato lo slancio. Abbiamo così contattato i cantanti e i musicisti, che con grande generosità hanno accettato di lanciarsi in questa avventura. Abbiamo fatto tutto a distanza, anche se dopo un po' che l'idea era partita piano piano le persone avevano ricominciato ad uscire, ma ci sembrava comunque il modo più adatto per approcciare ad un lavoro del genere". Ad aiutare Letizia Morelli sono stati Walter Lanzara e Claudio Sannipoli, che hanno arrangiato, adattato, montato e dato vita a "Una città per cantare". "Quando siamo venuti a conoscenza del fondo del Comune di Gubbio che raccoglie donazioni in denaro per persone in difficoltà economiche e in stato di povertà, soprattutto in seguito al Coronavirus, abbiamo capito che era la strada giusta da seguire per poter fare qualcosa di concreto per la città", spiegano i giovani ideatori del progetto. segue

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Roma, set.- La percentule dei votanti in Italia, nelle varie regioni vede che su totale dei 7.901 su 7.903, questa la percentuale delle ore 12, delle ore 19 e quella finale delle 23 della prima giornata elettorale: 12,25; 29,68; 39,38 (ore 23 del 20 settembre). Le operazioni di voto riprenderanno domattina alle 7; seggi aperti fino alle 15, e subito dopo iniziera' lo spoglio per il referendum, e a seguire nelle regioni dove si votava per le regioni e i comuni.

Pubblicato in Cronaca
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 3 di 980

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information