City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

(CIS) – Perugia giu. - L'installazione di uno dei più grandi simulatori spaziali in Europa realizzato dall'azienda umbra Angelantoni Test Technologies (brand ACS) per il Rutherford Appleton Laboratory (RAL) in Gran Bretagna e' terminata in questi giorni. Con una dimensione interna utile di sette metri di diametro per dodici metri di lunghezza ed una gamma di temperatura da 95K a 400K, è la più grande camera termovuoto di questa tipologia installata in UK e sarà annoverata tra i "giganti" d'Europa destinati a riprodurre a terra le condizioni ambientali presenti nello spazio per poter così testare sonde interplanetarie per missioni scientifiche e satelliti commerciali per l'orbita terrestre. RAL Space svolge attività di ricerca spaziale e sviluppo tecnologico di livello mondiale con il coinvolgimento in oltre duecento missioni spaziali. I lavori per la realizzazione della struttura erano iniziati a novembre del 2018 e si sono conclusi nei giorni scorsi con la consegna del simulatore per cui è stato necessario un trasporto eccezionale. La spedizione nel Regno Unito dall'Italia – sottolinea un nota aziendale Angelantoni - è stata effettuata via nave. Le sezioni della camera sono state poi trasportate con un convoglio di camion dal porto di Portsmouth ad Harwell – presso il National Satellite Test Facility (NSTF) nell' Oxfordshire - in quello che è stato uno dei più grandi movimenti su strada singola che la Gran Bretagna abbia mai visto: l'autostrada era appena sufficiente per questo trasporto veramente "speciale". "Questo progetto – ha spiegato il Project Manager di ACS Massimiliano Sugoni – ha rappresentato una sfida sia dal punto di vista tecnico-qualitativo sia per le tempistiche. Entrambi i requisiti sono stati centrati grazie alla professionalità e all'esperienza del nostro team nel realizzare apparecchiature molto complesse per performance e dimensioni.segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Solemeo (Pg) - Il festival quest'anno non vestirà i colori di nessuna bandiera straniera, non avrà ospiti di grido e si farà piccolo piccolo – concentrandosi in una sola giornata – ma ci sarà! Carichi di energia e spinti dalla voglia di fare, dalla voglia di dare un segnale, gli organizzatori danno a tutti appuntamento al prossimo sabato 4 luglio per il mini-Festival Villa Solomei 2020, concerti ad ingresso gratuito. Con modalità di accesso riviste, in ottemperanza alle linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative dello scorso 9 giugno, i concerti saranno comunque gratuiti. Unico obbligo: la prenotazione. Meno vicini, più vicini – si legge in una nota - ; gli spettatori troveranno le sedute distanziate e sembrerà loro di essere meno vicini, eppure faranno sentire più che mai la loro vicinanza a tutti quanti vivono di arte e lavorano nel mondo dello spettacolo. Solo tre i concerti in programma, ma capaci di destare l'interesse del pubblico e soddisfarne i gusti più diversi. Si inizierà alle ore 17 al Teatro Cucinelli dove, Francesco Antimiani (voce) e Paolo Piubeni (pianoforte) proporranno La musica del mondo. Dalla nostra "Italia della radio" nel primo dopoguerra alla canzone napoletana, dal Brasile della bossa nova al tango argentino, fino alla canzone del regime nazista, alla nascita del jazz in America e ai cafè chantant parigini. Un percorso meraviglioso alla scoperta degli albori della canzone moderna. Tutti arrangiamenti originali al pianoforte per presentare i brani storici che hanno segnato la svolta e il passaggio dalla musica cosiddetta colta alla canzone moderna così come la conosciamo. Una contaminazione affascinante, di Paese in Paese diversa, tra la tradizione classica e quella popolare, per un concerto che è un vero e proprio viaggio, da ascoltare e da assaporare, nella musica del mondo.  segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia/Roma, giu. – "Mai come oggi è opportuno utilizzare la virtù della prudenza. Ci sono infatti segnali contrastanti sulla pandemia che ormai da mesi sta caratterizzando l'esistenza degli abitanti dell'intero pianeta. Mentre in Italia si sta cercando di tornare a uno stile di vita "normale", con milioni di cittadini che sognano le vacanze, il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che nel mondo la pandemia "continua ad accelerare"». Lo scrive il cardinale arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei Gualtiero Bassetti nel suo ultimo articolo dal titolo: "Un mondo da rammendare. La società contemporanea, la pandemia e i nuovi untori", pubblicato nella sua rubrica quindicinale Il pane e la Grazia nel settimanale La Voce in edicola venerdì 26 giugno, consultabile anche sul sito: Il pane e la Grazia - LaVoce . «Di fatto, ai nuovi allarmi sanitari che provengono dalla Germania, dagli Stati Uniti, dal Brasile e dalla Cina – prosegue il cardinale nella sua riflessione –, si sovrappongono le cronache quotidiane, le statistiche ufficiali, le testimonianze eroiche di medici e, infine, anche una lunga serie di ardite teorie sull'origine o sulla reale consistenza della pandemia. Una ridda di voci, commenti e giudizi si affastellano uno sull'altro dando vita a una sorta di nuova Babele". "Molti commentatori, in questi mesi di quarantena, hanno evocato I Promessisposi di Manzoni. In quel prezioso capolavoro della letteratura italiana ci sono, infatti, molti spunti di attualità: dalla "miscredenza" iniziale alle misure drastiche di controllo dell'epidemia; dalla morte tragica nel lazzaretto di Milano fino ai "deliri" prodotti dagli "uomini di passione" nei processi agli "untori". Quest'ultimo elemento è forse uno degli aspetti più inquietanti del mondo contemporaneo». «Il rischio più grande di questo periodo – evidenzia il presidente della Cei – è che dalla paura della pandemia si passi alla rabbia sociale. segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia, giu. – Si riparte; lo scalo San Francesco di Assisi torna operativo con i voli Ryanair, la compagnia aerea numero uno in Italia;, la Compagnia ha annunciato oggi la ripresa dei collegamenti da e per l'aeroporto di Perugia, con il ripristino del volo su Catania, operativo già dal 21 giugno. Dal 1° luglio Ryanair incrementerà ulteriormente il numero di rotte - introducendo Londra-Stansted e Bruxelles-Charleroi (dal 4 luglio) - e la loro frequenza, come parte integrante dell'operativo per l'estate 2020. E' quanto si legge in una nota ufficiale. Con l'allentamento delle restrizioni negli spostamenti, la voglia di viaggiare si fa sempre più forte, come confermano i recenti dati di traffico sul nostro sito. L'Italia risulta essere tra le destinazioni turistiche più ricercate dai visitatori europei e tra gli utenti italiani tra le mete più popolari, oltre al Bel Paese, ci sono sicuramente Regno Unito e Belgio. Ryanair è lieta di ricominciare a collegare Perugia con il resto dell'Europa, permettendo a tutti i viaggiatori di trascorrere una piacevole vacanza alla scoperta di arte, storia e spiritualità, in una regione caratterizzata da paesaggi incantevoli e specialità da non perdere per gli amanti della buona tavola. La ripresa dei collegamenti, oltre a sostenere l'economia e il turismo regionale da cui dipendono migliaia di posti di lavoro, offrirà anche l'opportunità di favorire i flussi di passeggeri business e leisure dall'aeroporto di Perugia verso Catania e alcune più importanti e gettonate destinazioni europee. L'operativo da e per l'aeroporto di Perugia include in tutto 3 rotte, di cui 1 nazionale – Catania - e 2 internazionali - Londra-Stansted e Bruxelles-Charleroi."Ryanair è lieta di annunciare che verranno ripristinate 3 rotte da e per l'aeroporto di Perugia, come parte integrante dell'operativo per l'estate 2020. I voli su Catania – ha detto Chiara Ravara - Head of International Communications di Ryanair - sono già stati riattivati, mentre i collegamenti con Londra-Stansted e Bruxelles-Charleroi riprenderanno rispettivamente il 1° e il 4 luglio".  segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Ancona, giu. - Il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli ha firmato, nel pomeriggio, un decreto che stabilisce che, a far data dal 25 giugno 2020, nella Regione Marche l'orario di apertura e di chiusura degli esercizi commerciali in sede fissa è così stabilito: orario di apertura dalle ore 6.00; orario di chiusura fino ore alle 24.00. L'apertura domenicale e festiva è libera. I sindaci, sentite le associazioni di categoria, in base alle esigenze di carattere turistico commerciale, ma sempre tenendo in debita considerazione la situazione epidemiologica sul loro territorio, possono limitare o implementare l'orario di apertura e chiusura giornaliera. Nei trenta giorni antecedenti i saldi di fine stagione (che per il 2020 iniziano il 1° agosto), è possibile effettuare le vendite promozionali in deroga alla legge, in considerazione della particolare situazione di sofferenza economica del settore commercio.Lo stesso decreto stabilisce che, fatta salva la regolamentazione specifica relativa agli sport di contatto, sono consentiti dal 25 giugno 2020 gli eventi e le competizioni sportive di interesse locale, laddove regolamentati dalle relative Federazioni Sportive, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva, svolti all'aperto e senza la presenza di pubblico.Sempre a partire dal 25 giugno 2020 è consentito a due persone non conviventi - spiega una nota - di viaggiare insieme su un motoveicolo a condizione che entrambe le persone indossino un casco integrale o, in alternativa, una mascherina almeno chirurgica. È inoltre consentito utilizzare autoveicoli tra persone non conviventi purché siano rispettate le precauzioni previste per il trasporto non di linea e, in particolare: presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura; due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori; obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina. Fonte com

What do you want to do ?
New mail
Covid-19/Marche: decreto con orari di esercizi commerciali, sport di contatto, motoveicoli e autoveicoli
Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Roma, giu. - nell'ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 24 giugno, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 239.410, con un incremento rispetto a ieri di 190 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 18.655, con una decrescita di 918 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 107 sono in cura presso le terapie intensive, con un decremento di 8 pazienti rispetto a ieri. Continua l'impegno del Dipartimento nelle attività di coordinamento di tutte le componenti e strutture operative del Servizio Nazionale della protezione civile. 1.610 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 243 pazienti rispetto a ieri. 16.938 persone, pari al 91% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 30 e portano il totale a 34.644. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 186.111, con un incremento di 1.526 persone rispetto a ieri. Nel dettaglio regione per regione, i casi attualmente positivi sono 12.227 in Lombardia, 1.730 in Piemonte, 1.074 in Emilia-Romagna, 549 in Veneto, 330 in Toscana, 261 in Liguria, 869 nel Lazio, 471 nelle Marche, 148 in Campania, 177 in Puglia, 52 nella Provincia autonoma di Trento*, 57 in Friuli Venezia Giulia, 378 in Abruzzo, 132 in Sicilia, 90 nella Provincia autonoma di Bolzano, 11 in Umbria, 15 in Sardegna, 6 in Valle d'Aosta, 28 in Calabria, 43 in Molise e 7 in Basilicata. *Si comunica che la Provincia Autonoma di Trento ha effettuato un ricalcolo dei dati: 61 deceduti in meno rispetto a quanto precedentemente comunicato; 447 guariti in più rispetto a quanto precedente comunicato; totale casi aumentano di 387 unità rispetto a quanto precedentemente comunicato. fonte com

What do you want to do ?
New mail
Coronavirus/Italia: decrescita dei positivi (-918); sale numero dei guariti
Pubblicato in Cronaca

(CIS) - Perugia giu. - - L'Organo di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno ha eletto, tra la terna proposta dalle Regione Umbria, la dott.ssa Monica Sassi quale componente dell'Organo stesso. Per ciò che concerne, invece, il componente di spettanza regionale dell'Università per Stranieri di Perugia, l'Ente ha designato il dott. Alessandro Torello. Ad entrambi va l'augurio di un buon lavoro da parte della Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, a nome di tutta l'Amministrazione regionale. Monica Sassi, nata nel 1963, si è laureata in medicina e Chirurgia presso l'Universita degli Studi di Perugia e si è successivamente specializzata in Oncologia Medica presso l'Università degli Studi "La Sapienza" di Roma. Ha ricoperto diversi ruoli nell'Azienda Unitaria Sanitaria locale 2 dell'Umbria, tra cui quello di Responsabile della Struttura, Semplice Dipartimentale "Oncologia Area Nord", nonché titolare dell'incarico professionale di alta Specializzazione C1 "Percorsi Ospedalieri e ricoveri in Day-Hospital". E' inoltre dirigente medico di I Livello presso il Servizio di Oncologia ed Ematologia del Presidio Ospedaliero di Foligno . Numerose le sue pubblicazioni scientifiche. Alessandro Torello, classe 1976, ottiene la laurea triennale all'Università di Bologna in Scienze Politiche per poi conseguire in vari Atenei: Master di 1° livello in Studi sul Medio Oriente, Master europeo di 1° livello in European Studies, Laurea Magistrale in Studi Europei, Master di 2° livello in lingua inglese in Politics and Society in Europe, Laurea Magistrale in Scienze Internazionali, Master di 1° livello in Pianificazione fiscale e doganale negli scambi con l'estero, Master di 2° livello in Diritto della navigazione e dei trasporti, Laurea triennale in Scienze dei servizi giuridici, Laurea Magistrale in Giurisprudenza. Ad oggi - conclude una nota - è impegnato nel dottorato di ricerca in "Business and Law" ed è consulente in materia di commercio internazionale e trasporti internazionali. È stato cultore di numerose materie in diversi atenei italiani oltre ad essersi occupato di Export sales, Back office e ruolo commerciale area estero, Customs dept in alcune società, gestione e organizzazione del traffico terrestre e delle spedizioni verso l'estero. fonte com

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia giu. - Un incendio di vaste proporzioni ha interessato per cause non ancora accertate le Cartiere di Trevi dalle ore 13 di ieri, 23 giugno, un'area limitata alla zona di stoccaggio del macero, unica materia prima utilizzata per la produzione della carta secondo un consolidato schema di economia circolare. Fortunatamente non sono stati riscontrati danni a persone e anche gli impianti produttivi non sono stati raggiunti dalle fiamme. L'azienda ha immediatamente posto in essere tutte le procedure di sicurezza, quali l'interruzione dell'energia, il fermo della produzione e l'attivazione della squadra antincendio interna, fino all'arrivo dei Vigili del Fuoco che hanno prontamente contenuto l'incendio, che è stato completamente domato in poche ore. Attualmente sono in corso le operazioni propedeutiche alla bonifica dell'area."Contrariamente a quanto apparso in qualche organo di stampa – ha precisato l'Amministratore delegato Franco Graziosi come si leggein unanota di Confindustria – la nostra azienda non è un deposito di rifiuti. La carta da macero oggetto dell'incendio è stata acquistata da Cartiere di Trevi come materia prima seconda, in parte attraverso il circuito di raccolta nazionale Comieco per la produzione della nostra carta". L'azienda, nel ringraziare i Vigili del Fuoco per la prontezza della loro azione e tutti i dipendenti che hanno prestato la loro fattiva collaborazione, si augura di poter provvedere al più presto al ripristino dell'area interessata e alla ripresa della produzione, a tutela di una importante attività industriale per l'Umbria e dell'occupazione di una forza lavoro qualificata che anche in questa drammatica occasione ha dimostrato il proprio attaccamento all'azienda, che opera sul territorio di Trevi dal 1960. Fonte com

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia giu. - - Conto alla rovescia per la quinta edizione della "Notte Romantica" nei Borghi più belli d'Italia che in Umbria vedrà dodici Comuni allestire le atmosfere più seducenti tra vicoli, piazze e incantevoli scorci panoramici sabato 27 giugno. Allerona, Bettona, Castiglione del Lago, Lugnano in Teverina, Massa Martana, Monte Castello di Vibio, Montone, Panicale, Passignano sul Trasimeno, San Gemini, Spello, Trevi e Vallo di Nera saranno i Borghi protagonisti di questa avventurosa esperienza in cui sapori, profumi e ambientazioni si sposeranno con musica, prelibatezze culinarie e tanto romanticismo. "Un'edizione – ha sottolineato Fiorello Primi, presidente nazionale dell'associazione I Borghi più belli d'Italia - più raccolta e in totale sicurezza. I Borghi hanno scelto di mantenere questa manifestazione come buon auspicio per il superamento della grave crisi causata dall'epidemia che ha colpito duramente il settore del turismo e dello spettacolo. Un particolare ringraziamento alle amministrazioni comunali e agli Enti che hanno voluto aderire a questa nostra sollecitazione nonostante le oggettive difficoltà organizzative. I nostri Borghi sono i luoghi dove il distanziamento e la sicurezza possono essere meglio garantite a tutela degli abitanti e dei visitatori. Un invito a partecipare, prenotando per tempo laddove necessario una delle tante iniziative proposte o cenare a lume di candela nei ristoranti tipici, che daranno il meglio per soddisfare i loro clienti". "La Notte Romantica di quest'anno – ha detto Antonio Luna, Presidente della sezione umbra dell'associazione - è dedicata, oltre alle nostre combattive amministrazioni comunali e comunità locali, alle tante attività ristorative dei Borghi umbri che hanno deciso di rimettersi in gioco pur avendo dovuto modificare significativamente spazi, servizio, modalità di accoglienza in seguito alla pandemia. La loro capacità di tenere alta la gastronomia umbra ha recentemente ricevuto alti riconoscimenti e sono una componete fondamentale del nostro turismo. Buona cena romantica nei Borghi umbri più belli d'Italia". Fonte com

What do you want to do ?
New mail
Notte Romantica nei Borghi piu' belli d'Italia: 12 i comuni in Umbria
Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia giu. - - La Regione Umbria ha firmato un protocollo che ha lo scopo di offrire la massima prevenzione e contrasto al fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali nell'intero territorio umbro. Tra i firmatari, oltre alla Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, il Prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, il Prefetto di Terni, Emilio Dario Sensi, i Questori di Perugia e Terni e i Comandanti Regionali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco, il Rettore dell'Università degli Studi di Perugia, il Presidente ANCI Umbria, l'Ispettore Interregionale del Lavoro, le Direttrici Regionali Inail e Inps, il Presidente di Confindustria Umbria, il Presidente della Camera di Commercio di Perugia e di Terni, i Segretari Generali Regionali di CGIL, CISL e UIL ed i Presidenti delle Associazioni degli Agricoltori e dei Costruttori Edili della regione, oltre ai rappresentanti dei Servizi di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro delle ASL Umbria 1 e 2. Il Protocollo d'intesa regionale per il rafforzamento della sicurezza sui luoghi di lavoro, nei settori a più alto rischio infortunistico e tecnopatico, si inserisce – spiega una nota - nel quadro delle iniziative messe in atto per innalzare gli standard di sicurezza e di salute nei diversi contesti lavorativi, di maggior rilievo, soprattutto, nell'attuale fase di ripresa delle attività economiche e produttive, successiva al lockdown conseguente all'emergenza epidemiologica da Covid-19. In tale cornice, difatti, si colloca anche la recente e positiva esperienza delle attività di supporto, orientamento e vigilanza delle imprese, esperite dai "Nuclei ispettivi a composizione mista", istituiti dalla Prefettura lo scorso mese, per assicurare l'osservanza delle misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19, contenute nei Protocolli di sicurezza degli ambienti di lavoro, sottoscritti tra il Governo e le Parti sociali. segue

Pubblicato in Cronaca
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 6 di 941

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information