City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

(CIS) – Perugia set.- – Si sono conclusi mercoledì 16 settembre i lavori della commissione ispettiva istituita dalla direzione della Usl Umbria 1 in merito ai presunti ritardi nell'erogazione degli assegni per i disabili. L'annuncio in una nota ufficiale. Ad oggi tutti i pagamenti ordinati dai distretti sono stati regolarmente evasi dai competenti uffici finanziari. Questo nel rispetto della programmazione nazionale e regionale dei fondi annuali sulla disabilità che per la Usl Umbria 1 ammontano a circa 5 milioni di euro. La commissione – precisa la nota - formata dal direttore amministrativo della Usl Umbria 1 Alessandro Maccioni, dal direttore sanitario Massimo D'Angelo e da Fabio Pagliaccia, direttore dell'unità operativa complessa Attività tecniche-acquisto beni e servizi, oltre ad aver chiarito gli aspetti dell'intera vicenda e fatto il punto sulla situazione complessiva dei distretti, ha inoltrato formalmente la relazione al commissario straordinario Gilberto Gentili. Alla luce di alcun fatti dai quali potrebbero emergere responsabilità individuali, gli atti della commissione sono stati inviati all'ufficio Procedimenti disciplinari per gli accertamenti del caso. I ritardi nei pagamenti, come già comunicato all'assessore regionale alla sanità Luca Coletto, non sono da imputarsi alla mancanza di fondi, che risultano disponibili per tutto il corrente anno né, tantomeno, ad atti amministrativi della Usl Umbria 1 o della Regione che possano inibire l'erogazione degli assegni. A testimonianza di questo, fermo restando che l'erogazione di un assegno ad un legittimo percettore - conclude la nota - sono necessari passaggi amministrativi con i servizi sociali comunali e con l'Inps, risulta che la maggior parte dei distretti risulta aver distribuito i fondi fino al mese di luglio 2020. Altri hanno già versato anche le somme di agosto e tutti i distretti stanno programmando il pagamento degli assegni fino ad ottobre 2020. Fonte com

Pubblicato in Cronaca


(CIS) - Assisi (PERUGIA), set. – Verrà presentato domani, Venerdì 18 settembre alle 18.30 in videoproiezione esclusiva nella piazza inferiore di San Francesco nell'ambito della manifestazione "Il cortile di Francesco", il primo cartone animato sul Santo di Assisi. La speciale animazione è una produzione Enanimation in collaborazione con Rai Ragazzi e verrà proiettata in esclusiva per i partecipanti all'evento. All'incontro parteciperanno il Direttore Rai per il Sociale, Giovanni Parapini, e il Direttore di Rai Ragazzi e Genere Kids, Luca Milano. Il cartone animato rivolto a bambini e famiglie, presenta alcuni momenti della vita e della testimonianza di san Francesco nella cornice del suo incontro con il Sultano d'Egitto Malik al-Kamil a Damietta nel 1219. La vita in povertà, l'incontro con i lebbrosi, superando le paure, nonostante i rischi, quello con il lupo, che da belva feroce può diventare un amico, la rinuncia a tutto per vivere a disposizione del prossimo, il coraggio irragionevole di fronte al fuoco, sorprendono e quasi affascinano il sultano, che ascolta Francesco e gli fa salva la vita. Il cartone animato verrà trasmesso su Rai 1 e su Rai Gulp domenica 4 ottobre e verrà proiettato in anteprima assoluta nei giorni del Cortile di Francesco sulla piazza inferiore di san Francesco. L'edizione 2020, dal titolo "Oltre i confini", si terrà dal 18 al 20 settembre ad Assisi e prevede interventi in presenza e in streaming. Sarà possibile partecipare, in base alle norme anti Covid, agli eventi che si terranno ad Assisi. Tutti gli incontri saranno anche trasmessi in diretta e on demand sulle piattaforme digitali (sito, social network, YouTube etc..). Il programma e tutte le informazioni su come partecipare sono disponibili sul sito www.cortiledifrancesco.it. L'elenco dei partecipanti si allunga ogni giorno: dalla senatrice, Liliana Segre, al Ministro dell'Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, poi l'Amministratore Delegato ENI, Claudio Descalzi, l'Amministratore Delegato TIM, Luigi Gubitosi, l'Amministratore Delegato Alitalia, Fabio Maria Lazzerini, e l'Amministratore Delegato Ferrovie dello Stato Italiane, Gianfranco Battisti.  segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia set.- – Connessioni sempre più veloci anche per abitanti e imprese della frazione di Agello nel comune di Magione. È infatti in corso la realizzazione del cavidotto in fibra ottica che collega Mugnano ad Agello. L'opera – a cura di Tim (Telecom Italia) – consentirà di introdurre anche in questa frazione la tecnologia Fiber to the cabinet (Fttc), in grado di fornire prestazioni fino a 200 megabits per le abitazioni più prossime alla cabina telefonica (entro un raggio di 700/1000 metri in linea d'aria). Possono già accedere alla banda ultralarga – e' detto in una nota - tutte le principali zone residenziali di Magione, pari all'80 per cento della popolazione e al 65 per cento del territorio comunale. Nelle zone industriali e artigianali di Bacanella, Soccorso e Sole Pineta è invece disponibile – tramite cavidotto intercomunale Corciano Magione – la connessione con tecnologia Fiber to the home (Ftth) con prestazione fino ad 1 gigabits. Fonte com

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Perugia set. - L'assessore alla salute della Regione Umbria Luca Coletto, coerentemente con le azioni intraprese dall'inizio del suo incarico, ha fatto approvare (ieri 16 settembre ndr.) il provvedimento riguardante il Registro Tumori, con cui viene dato mandato al Direttore Regionale Salute Claudio Dario di istituire un gruppo di lavoro finalizzato all'individuazione del modello organizzativo più adeguato alle attuali esigenze della Regione Umbria. Il gruppo di lavoro dovrà confrontarsi anche con le altre Regioni e presentare una proposta di rinnovamento entro un mese dall'adozione della delibera di Giunta. Il Registro Tumori fino alla scadenza dell'ultima convenzione, il 16 gennaio 2020, è stato gestito dal Dipartimento di Medicina Sperimentale dell'Università di Perugia in collaborazione con la Direzione regionale Salute. Nella Delibera di Giunta viene sottolineato che i dati del Registro Tumori sono aggiornati fino al 2017 mentre sono stati avviati i lavori per l'analisi dei dati dell'anno 2018. Lo stesso Dipartimento dell'università, alla conclusione dei lavori della convenzione, ha trasmesso al Servizio regionale competente una relazione delle attività svolte, dalla quale emergono le difficoltà già evidenti negli ultimi anni. Queste le testuali parole della relazione: "dal 2017 l'orientamento regionale è sensibilmente cambiato in coincidenza con un cambio del vertice regionale e ciò si è tradotto in un taglio dell'orizzonte che ha portato il rinnovo della convenzione ad un anno e del finanziamento erogato che è stato ridotto di oltre il 60%, se si considerano il taglio e i mesi trascorsi tra un rinnovo e l'altro, in modo da pregiudicare la gran parte delle attività"."La convenzione scaduta agli inizi dell'anno non prevedeva un rinnovo automatico, come normalmente sarebbe auspicabile – ha affermato l'assessore Coletto - nonostante ciò la Direzione Regionale Salute aveva previsto di implementare il Registro, riconoscendolo come indispensabile strumento per la programmazione sanitaria regionale oltre che per la ricerca. Il periodo dell'epidemia Covid non ha certamente facilitato i lavori, ma ora, con la delibera appena emanata, ci si avvia verso una fase nuova che potrà prevedere anche ulteriori sviluppi sia del modello organizzativo sia dell'utilizzo del Registro Tumori, prevedendone un adeguato finanziamento". Fonte com

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Terni, set. - Grazie al contributo della comunità, l'ospedale di Terni compie un nuovo passo verso la sicurezza dotandosi di 10 totem sanificatori d'aria con raggi UV-C che la direzione del Santa Maria di Terni ha acquistato, per un valore di circa 20mila euro, con una parte del denaro che i cittadini ternani hanno donato nei mesi scorsi per sostenere l'attività sanitaria a seguito dell'emergenza Covid. Si tratta di lampade che, con apposite schermature, purificano l'aria nel corso delle 24 ore, anche in presenza di persone. I nuovi dispositivi medici, certificati dall'Istituto Superiore della Sanità, saranno collocati nelle sale d'attesa dei Poliambulatori e del Pronto Soccorso per rendere ancora più sicuri alcuni degli ambienti più frequentati del presidio ospedaliero. L'annuncio in una nota. Per ringraziare simbolicamente i donatori ternani, la consegna dei dispositivi, avvenuta il 16 settembre, è stata fatta alla presenza del direttore sanitario Sandro Vendetti, del direttore amministrativo Stefano Carlini, della responsabile del servizio prevenzione e sicurezza Pina Menichini e del referente aziendale per le donazioni Leonardo Fausti. La direzione aziendale ringrazia anche l'associazione Amici del Fantacalcio, che nei giorni scorsi ha donato 4 pulsossimetri utilissimi in numerosi reparti medici soprattutto in epoca Covid. Fonte com

Pubblicato in Cronaca


(CIS) – Roma, set. - I tamponi hanno superato i 100.607 con un incremento rispetto a ieri di 20.090 in più rispetto (erano stati 80.517). I ocntagiati sono stati oggi 16 settembre 1.452 contro i 1.229 , ma con un incremento di morti passati da 9 di ieri a 12. I dati nel bollettino del ministero della salute. I pazienti ricoverati con sintomi sono 2.285 (+63, +2,8%; ieri +100), di cui 207 in terapia intensiva (+6, +3%; ieri +4). Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 40.532 (+820, +2,1%; ieri +525. fontecom abstract

What do you want to do ?
New mail
Coronavirus/Italia: ancora in aumento i contagi, ma eseguiti piu' tamponi. Crescono i deceduti (12)
Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Assisi set. - Sì svolgerà domenica 11 ottobre e sarà la prima volta in Italia. Sarà una Catena Umana lunga 25 km da Perugia ad Assisi. Le persone saranno distanziate almeno due metri, nel rispetto delle norme anticovid, ma saranno unite dal filo che ciascuno porterà e annoderà a quello degli altri. Da oggi chi parteciperà alla Catena Umana si deve iscrivere sul sito www.perugiassisi.org. "E' un momento difficile ma il Covid non può e non deve fermare l'impegno per la pace" hanno detto questa mattina gli organizzatori presentando l'originale iniziativa ad Assisi presso il Sacro Convento di San Francesco. Lo faremo anche per don Roberto, ucciso ieri a Como, ha dichiarato Flavio Lotti, Coordinatore del comitato promotore della PerugiAssisi, come in una nota. Lo faremo anche per lui. Per dire che dobbiamo fare come lui: prenderci cura degli altri, degli ultimi, dei più fragili. Dal 1961, la Marcia PerugiAssisiè una chiamata all'impegno per la pace, ha proseguito Lotti.E così sarà anche quest'anno, nonostante le forti restrizioni imposte dalle norme sanitarie. Abbiamo grandi sfide da affrontare (dalle guerre al cambiamento climatico, dalla crisi economica alla salute del pianeta) e non possiamo rinviare l'appuntamento con le nostre responsabilità. La Catena Umana è necessaria perché dobbiamo ritornare ad occuparci della pace prima di perdere anche quel poco che ci è rimasto. E'una iniziativa che stimiamo molto, ha detto p. Mauro Gambetti Custode del Sacro Convento di San Francesco d'Assisi. L'idea di convertire la marcia in una catena umana è una metafora di quello che oggi ci è richiesto nella società: mettere in moto una resilienza che non ceda allo sconforto, alla tentazione di richiudersi, di mollare e che continui a perseguire obiettivi che sono alti e importanti. Sono molto contento anche perché la Catena Umana della pace e della fraternità, seppur pensata da tempo, si iscrive nell'orizzonte che Papa Francesco ci indicherà con l'Enciclica "Fratelli tutti". O prenderemo la direzione di un nuovo sviluppo oppure il mondo cadrà nella barbarie sociale.  segue

Pubblicato in Cronaca

(CIS) – Perugia set. - Tempo di nuovi brindisi sabato 19 settembre per Lungarotti con Cantine Aperte, la storica iniziativa del Movimento Turismo del Vino che torna in occasione della vendemmia, il periodo più suggestivo dell'anno per la visita delle cantine e dei vigneti. Un segnale di ripartenza per l'azienda vitivinicola umbra che apre nuovamente le porte della sua tenuta a Torgiano con una serie di attività che riportano il vino al centro della socialità, dove gli enoappassionati avranno la possibilità di rincontrarsi per degustazioni e appuntamenti in presenza, il tutto in completa sicurezza. "Il vino è da sempre simbolo di convivialità e socializzazione – ha dichiarato Chiara Lungarotti ad del Gruppo Lungarotti, come si legge in una nota - ma nei mesi scorsi il settore è stato messo a dura prova. Il digitale è stato di grande aiuto in un momento così complesso come quello che abbiamo vissuto ma non ha potuto sostituire la presenza del pubblico. Con Cantine Aperte in Vendemmia torneremo ad accogliere tutti gli appassionati per quella che si preannuncia una grande festa del vino". Si parte alle 11 di sabato 19 settembre per una visita guidata della cantina (Torgiano) a cui segue una degustazione (ore 12) di vini (L'U Brut, Torre di Giano e Rubesco) con pane e olio extravergine Lungarotti (10 euro). Stesso schema nel pomeriggio, con la visita della cantina alle 15.30 seguita un'ora dopo (ore 16.30) dalla degustazione. Possibilità anche di pranzare all'Enoteca della Cantina con menù alla carta (ore 13). Dal vino alla sua storia con l'apertura del MUVIT Museo del Vino, sempre a Torgiano, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 con ingresso ridotto a 5 euro e un calice in omaggio da degustare all'Osteria del Museo. E proprio all'Osteria uno speciale appuntamento enogastronomico: la colazione della vendemmia prevista per le 12.30, con prodotti tipici del territorio e dolci della tradizione abbinati al vino (20 euro a persona). Per tutte le attività in programma è obbligatoria la prenotazione, come da norme anticovid. Ma Lungarotti che lo scorso anno aveva organizzato un appuntamento con le auto d'epoca dei soci Camep, sta studiando come riproporre quell'evento, anche per Ottobre prossimo. abstract fonte com

What do you want to do ?
New mail
Cantine aperte: Lungarotti riapre al pubblico; sabato 19 sett. a Torgiano degustazioni e visite guidate in cantina e al muvit
What do you want to do ?
New mail
Cantine aperte: Lungarotti riapre al pubblico; sabato 19 sett. a Torgiano degustazioni e visite guidate in cantina e al muvit
Pubblicato in Cronaca

(CIS) - Ancona, set. - È stato istituito il gruppo di lavoro congiunto che dovrà individuare gli interventi, infrastrutturali e tecnologici, per migliorare il collegamento ferroviario tra la dorsale tirrenica (Firenze – Orte – Roma) e la direttrice adriatica. L'obiettivo è quello di riqualificare l'esistente tratta "Orte – Falconara", per larga parte ancora a binario unico, che congiunge le Marche e l'Umbria alla Capitale, attraversando l'Appennino centrale. Il protocollo d'intesa mira a realizzare un itinerario adeguato al traffico passeggeri e merci. È stato firmato, oggi, presso la sede della Giunta regionale di Ancona, dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, dai governatori di Marche e Umbria Luca Ceriscioli e Donatella Tesei, dall' amministratore delegato e direttore generale di Rete ferroviaria italiana (Gruppo FS Italiane) Maurizio Gentile. Il tema del trasporto ferroviario - spiega una nota - "sarà centrale tra gli investimenti finanziati con il Recovery plan - ha detto il Ministro – Investimenti strategici per lo sviluppo delle aree interne che racchiudono luoghi di straordinaria ricchezza ma poveri di infrastrutture. Dopo anni di discussione, passiamo alla fase delle decisioni". De Micheli ha assicurato che, per il completamento della Orte Falconara, "avviamo un percorso veloce perché sarà governato da un commissario con i poteri dell'articolo 9 del decreto legge Semplificazione. Avrà poteri decisionali soprattutto nella fase delle autorizzazioni che è la più complessa nella realizzazione di una grande opera". Il presidente Ceriscioli ha parlato di "un commissariamento positivo. segue

Pubblicato in Cronaca

"Organizzazione di emergenza impeccabile. Tutti hanno espresso il meglio delle proprie competenze. Continueremo a seguire l'evoluzione della situazione a garanzia della salute dei cittadini". È quanto ha affermato il presidente Luca Ceriscioli che ha accompagnato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, sul luogo dell'incendio che ha devastato un tratto dell'area portuale di Ancona. "La visita del ministro è il segno di un'attenzione importante, da parte dello Stato, in un momento particolare per la città di Ancona e per le Marche, che coincide con la programmazione delle risorse che sta avvenendo a livello centrale. Quindi una presenza in un momento di necessità, ma con lo sguardo rivolto al futuro". Ceriscioli ha poi rimarcato che, "fin dalle prime ore dell'incendio, tutte le strutture di soccorso si sono attivate secondo le proprie competenze, assicurando il pieno controllo della gestione dell'emergenza".

What do you want to do ?
New mail
Il presidente Ceriscioli sul luogo dell'incendio al porto di Ancona
What do you want to do ?
New mail
Il presidente Ceriscioli sul luogo dell'incendio al porto di Ancona
Pubblicato in Cronaca
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 6 di 980

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information