City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

 

Magione (Perugia) - L'Autodromo dell'Umbria si appresta a vivere, il prossimo 8 Maggio, una nuova domenica all'insegna dei motori con il ritorno del Trofeo Italia Storico, del Trofeo Italia Classico e della Formula 850. Si tratta della seconda prova stagionale per questi trofei, che hanno preso avvio il 20 Marzo scorso al Borzacchini. Nella prima tornata agonistica il Trofeo Italia Storico ha visto la vittoria Giuseppe Covotta (Fiat 128 Coupé) fra le vetture fino 1.6, mentre Roberto Arnaldi (su Alfa Romeo GTAM) ha primeggiato tra le oltre 1.6. Il Trofeo Italia Classico (campionato aperto alle auto da corsa più moderne), ha registrato un alto gradimento da parte dei piloti, che hanno partecipato numerosi. Fra le vetture di cilindrata più ridotta la vittoria è stata appannaggio di Tonino Scocco (Peugeot 1.6), mentre fra le oltre 1.6 affermazione "da manuale" per l'esperto Michele Parretta (BMW 318 Trofeo). In pista domenica ci saranno anche le monoposto antiche Formula 850, che già nel 2021 hanno dato vita a un campionato dedicato: nella prima corsa stagionale si è affermato Vincenzo Zupo (Formula 850 Marras 1969). Biglietti di ingresso per il pubblico saranno disponibili al costo di 5 euro. Il programma: Formula 850 Prove Ufficiali 09.30/09.50 Turno unico 20' ; Tr. Italia STORICO - Fino 1.6 Prove Ufficiali 10.00/10.20 Turno unico 20' ; Tr. Italia STORICO - Oltre 1.6 Prove Ufficiali 10.30/10.50 Turno unico 20' ; Tr. Italia CLASSICO – Fino 1.6 Prove Ufficiali 11.30/11.50 Turno unico 20' ; Tr. Italia CLASSICO – Oltre 1.6 Prove Ufficiali 12.00/12.20 Turno unico 20'; Formula 850 GARA 14.30 20' ; Tr. Italia STORICO - Fino 1.6 GARA 15.00 20' ; Tr. Italia STORICO - Oltre 1.6 GARA 15.45 20' ; Tr. Italia CLASSICO – Fino 1.6 GARA 16.30 20' ; Tr. Italia CLASSICO – Oltre 1.6 GARA 17.15 20'. Fonte com abstract

Pubblicato in cronaca


(CIS) – Roma, magg. – Sono oggi 43.947 i casi nuovi contagio, in calo rispetto a ieri (48.225); così i decessi oggi 125, mentre ieri sono stati 138. I tamponi/test effettuati 302.406, per un tasso del 14,5%. Quindi stazionarietà. Nei reparti i ricoveri sono in calo (-226) per un totale di 9.527 unità; in T.I. totale 363 (-6). La regione ai vertici dei contagi e' la Lombardia con 5.747 casi ( i decessi 29), seguita dalla Campania con 5.009 casi (4 i decessi), poi il Veneto con 4.464 casi ( i decessi otto), la regione Lazio con 3.807 casi (otto i decessi), l'Emilia Romagna con 3.595 casi (11 i decessi), Puglia con 3.109 casi (i decessi 6), Sicilia 3.000 casi (11 decessi), Piemonte 2.513 casi ( 5 decessi), la Toscana con 2.234 casi (i decessi 11), l'Abruzzo con 1.657 casi (6 decessi), le Marche con 1.611 (i decessi 1), Calabria 1.589 casi (5 decessi), Sardegna con 1.264 casi (decessi 4), Liguria 1.134 casi (1 decesso), l'Umbria con 926 casi (zero decessi), la Basilicata con 495 casi (5 decessi), il Molise 344 casi (2 decessi), Trentino 303 casi (zero decessi), prov. di Bolzano 300 casi (zero decessi), Valle d'Aosta 86 casi (zero decessi). Questi sono i dati del bollettino nazionale. Fonte com abstract

Pubblicato in cronaca

(CIS) – Perugia mag. – La citta' di Perugia è stata pioniera della mobilità sostenibile. Dagli anni '70, in particolare, sono stati realizzati parcheggi a corona, ascensori e scale mobili per coniugare l'accessibilità del centro storico con la salvaguardia dei monumenti e la riduzione del traffico veicolare in questa zona. La III commissione consiliare permanente ha dedicato la sua ultima seduta ad approfondire i contenuti del Piano urbano della mobilità (PUMS) sostenibile e i suoi sviluppi. Sul punto sono state sentite la consigliera delegata per l'attuazione del Pums e la dirigente della Unità operativa Mobilità e infrastrutture. Perugia e' considerata citta' all'avanguardia ma ancora ha dati troppo alti di utilizzo dell'autovettura privata. Il sistema dei percorsi pedonali meccanizzati, a impatto inquinante nullo, trasporta a oggi, circa dieci milioni di passeggeri all'anno. Il Minimetrò ne trasporta oltre 2,5 milioni. Nella redazione del Pums (approvato in Consiglio comunale nel 2019) è risultato centrale l'obiettivo appunto della riduzione del traffico veicolare privato. Per redigere il piano – precisa una nota su Perugia Comunica - sono state fatte analisi e valutazioni sul tipo di spostamenti dei cittadini. Più in dettaglio, a Perugia gli spostamenti avvengono per il 72,9% con l'auto privata, per il 14% con il trasporto pubblico e per circa il 10% a piedi o in bicicletta. Il 67% di quelli "sistematici" avviene per motivi di lavoro, il 33% per motivi di studio. E' stato precisato, su sollecitazione della minoranza, che i dati di base sono riferiti al 2011, in quanto, come da prassi, ci si è avvalsi di quelli del censimento; sono state comunque svolte ulteriori attività di rilevazione sul campo.  segue

Pubblicato in cronaca


(CIS) – Giano dell'Umbria - Mag. – La provincia ha ottenuto il finanziamento per la demolizione e ricostruzione in sito dell'edificio in cemento armato sede della scuola secondaria di secondo grado IPC fraz. Bastardo di Giano dell'Umbria). L'avviso pubblico era relativo alla realizzazione di nuovi edifici scolastici con demolizione dell'edifico esistente, da finanziare nell'ambito del PNRR. L'importo concesso ammonta a 3.456.000 euro. Oltre alla demolizione e ricostruzione dell'edifico dell'IPC si provvederà ad un intervento di miglioramento sismico ed efficientamento energetico del fabbricato in muratura sede dell'IPIA per un importo pari a 1.379.040 euro. Lo si legge in una nota della provincia di Perugia. Inoltre per "questo ultimo finanziamento gli uffici dell'edilizia scolastica sono in attesa del Decreto da parte del Ministero dell'Istruzione per l'inizio di tutte le attività necessarie. La Provincia di Perugia ha inoltre ottenuto un finanziamento di 200.000 euro per la manutenzione straordinaria dell'edificio "Laboratori Officine" situato nella stessa area scolastica. I lavori riguardanti questo intervento sono già stati appaltati e se ne prevede l'inizio per il prossimo mese di giugno. La Presidente della Provincia di Perugia e la consigliera delegata all'edilizia scolastica hanno espresso soddisfazione per i finanziamenti ottenuti, che si vanno ad aggiungere a quelli già in essere, così da permettere alla Provincia di proseguire nel programma di rinnovamento del proprio patrimonio scolastico. Fonte com abstract

Pubblicato in cronaca


(CIS) – Magione mag.- – Per tutti gli appassionati del mitico Cinquino, l'auto che ha accompagnato l'Italia sulla strada della rinascita si svolgera' domenica 15 maggio un Raduno a San Savino di Magione. I possessori del mitico Cinquino, l'auto che ha accompagnato l'Italia sulla strada della rinascita, potranno partecipare al tredicesimo raduno delle Fiat 500 al Trasimeno. L'iniziativa è organizzata dal coordinamento del Lago Trasimeno in collaborazione con la proloco di san Savino e il Fiat 500 Club Italia. Il ritrovo è previsto a San Savino, dalle 8.30 alle 9.30, con colazione offerta dalla locale proloco presso al cui sede possono essere effettuate le iscrizioni. Ore 10.30 partenza per il giro turistico con fermata intermedia e aperitivo offerto dalla proloco di Mugnano. Pranzo a San Savino nei locali della proloco. Seguiranno le premiazioni. fonte com 

Pubblicato in cronaca


(CIS) - Perugia mag. - Oggi 926 i nuovi casi di contagio; i decessi sono zero. Gli attualmente positivi 11.204. Ricoveri -1 (219) in TI (5) - 1. Sono questi i dati del bollettino regionale umbria. I guariti giornalieri sono 805. I tamponi/test effettuati 4.236. fonte com abstract

Pubblicato in cronaca


(CIS) – Roma, mag. – Oggi i dati forniti dal ministero della salute vedono in calo il numero dei decessi: 138 (ieri 152), ma sono invece 48.255 i nuovi casi, leggermente in salita (ieri 47.039). I tamponi e teste effettuati sono stati 327mila. Il tasso di positività va al 14,7%. Le ospedalizzazioni in calo (-232 in reparto), dove i l totale e' 9.753 e in Terapia intensiva (-2) con 369 ricoverati. La regione con il numero di contagi maggiore è – come da bollettino nazionale – la Lombardia con 1.362 casi (i decessi 22), seguita dal Veneto con 5.344 casi (6 decessi), la Campania con 5.112 casi (13 decessi), l'Emilia Romagna con 4.041 casi (9 decessi), il Lazio con 3.951 casi (i decessi otto), la Puglia con 3.908 casi (i decessi 12), la Sicilia 3.263 casi (17 decessi), il Piemonte 2.824 casi (3 decessi), la Toscana 2.712 casi (i decessi 14), ed ancora, l'Abruzzo con 1.693 casi (4 decessi), la Calabria 1.591 casi (i decessi 3), le marche 1.469 casi (6 decessi), LA Sardegna 1.483 casi (4 decessi), la Liguria 1.252 casi (5 decessi), l'Umbria 889 casi (1 decesso), la Basilicata 509 casi (1 decesso), il Trentino 353 casi (i decessi 2), il Molise 344 casi (3 decessi), la provincia di Bolzano 317 casi (1 decesso), la Valle d'Aosta con 80 casi (zero decessi). Fonte com abstract

Pubblicato in cronaca

(CIS) – Roma, mag. - Dall'inizio della guerra in Ucraina, la Comunita' di Sant'Egidio è impegnata a fornire medicinali e materiale sanitario a una vasta rete di centri sanitari, amministrazioni comunali, associazioni di volontariato e soprattutto ospedali in molte città dell'Ucraina, soprattutto in quelle orientali e meridionali particolarmente colpite dall'azione bellica: Kiev, Kharkiv, Chernihiv, Sumy, Irpin', Zaporizhzhya, Dnipro, Nikolaev, Poltava. Una particolare attenzione è rivolta alle necessità dei centri di nefrologia e dialisi di Kiev, Char'kiv, Poltava, Chernihiv, Nikoalev, Leopoli. Infatti, circa un centinaio di malati dializzati sono stati fatti espatriare e sono attualmente ospiti della Comunità in diverse città italiane. Ma per tutti gli altri è necessario fornire il necessario per proseguire le terapie. In Ucraina – si legge in una nota - già prima della guerra, c'era carenza di medicinali: i malati ricoverati in ospedale - ma anche nelle strutture residenziali per anziani e persone con disabilità - dovevano acquistarli. Questa carenza si è aggravata in maniera esponenziale con la guerra: a chi è ferito nel corso di bombardamenti o combattimenti, si aggiungono tutti coloro che non possono curare fragilità pregresse, per mancanza di medici, di medicine e di strutture funzionanti. Sono i tragici effetti della guerra, ben più larghi e devastanti di quanto si pensi comunemente.  segue

Pubblicato in cronaca

(CIS) – Perugia mag.- C'e' anche l'aumento dei posti auto nel grande parcheggio dell'aeroporto internazionale dell'Umbria da 400 attuali a 450; oltre all'incremento dei voli per la stagione estiva, i nuovi che dovrebbero partire il prossimo anno (collegamento con la Germania, forse in aprile), le attuali 16 destinazioni dallo scalo umbro – piu' 4 rispetto allo scalo di Ancona – numeri mai visti ha detto il direttore del San Francesco Umberto Solimeno – ora anche i parcheggi veranno ampliati. E' tutto in funzione dei 500 mila passeggeri annui previsti, gradualmente. Un articolo oggi sul Corriere dell'Umbria a firma di Alessandro Antonini, ha riferito dettagli che il direttore generale dello scalo Umberto Solimeto ha annunciato nel corso della trasmissione di Umbria TV "L'aperitivo" diretta da Giacomo Marinelli Andreoli. Ora dopo lo stop a causa pandemia, anche i media seguono da vicino gli sviluppi dello scalo come per l'annuncio dei fondi certi disposti dalla Regione (12 mln in tre anni), 4 milioni di euro all'anno, per incrementare le tratte e promuovere lo scalo. Gia' una azione di promozione e' stata fatta ed e' in corso in varie zone della regione con grandi manifesti dove le compagnie offrono alla clientela tratte scontate. Nella trasmissione di Umbria Tv si è anche parlato dei collegamenti bus dallo scalo umbro, oggi un po' carenti; la regione e' al lavoro per la connessione di due linee Link di Busitalia che dovrebbero servire l'aeroporto, in aggiunta – dicono i bene informati – ai collegamenti gia' esistenti (bus di linea da Perugia-Petrignano-Assisi delle 9,30; poi il Foligno-Perugia) e alla navetta diretta "aeroporto" che parte dal centro di Perugia, con transito dinanzi al alcuni alberghi. Abstract fonti

Pubblicato in cronaca


(CIS) – Perugia mag. - – Nel contesto delle strategie tese a incentivare nel territorio la produzione di energia da fonti rinnovabili, la Regione Umbria assegna un ruolo fondamentale alle Comunità energetiche e assume l'impegno a promuoverne e supportarne la diffusione, in raccordo con i portatori di interesse pubblici e privati. Con questa finalità, la Giunta regionale – si legge in una nota - ha approvato ieri, l'istituzione di due tavoli tecnici, coordinati dall'Assessore all'Ambiente, con Anci Umbria, in rappresentanza dei Comuni, e con le Associazioni di categoria, in rappresentanza delle realtà produttive, agricole e del commercio. Per l'assessore regionale all'Ambiente, le Comunità energetiche, forme aggregative normate dal D.lgs. 199/2021, rivestono una particolare valenza all'interno della strategia complessiva atta a fare dell'Umbria una regione all'avanguardia nel processo di transizione ecologica. Un'azione che punta alla riduzione dei consumi energetici e all'incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, per favorire la crescita sul piano ambientale e sociale e per contrastare la povertà energetica a beneficio dei cittadini.  segue

Pubblicato in cronaca
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 9 di 1400

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information