City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani


(CIS) – Perugia ago. - – In riferimento al comunicato stampa congiunto di CGIL, CISL e UIL diramato lo scorso 14 agosto - dal titolo "Sanità, sindacati: la USL Umbria 1 non stabilizza il personale, e continua la fuga verso altre regioni" e pubblicato su alcune testate regionali - nonché alla nota pervenuta dalle stesse OO.SS. (Organizzazioni sindacali) sullo stesso argomento alla Direzione Generale dell'USL Umbria 1 in data odierna (lunedì 16 agosto), nella quale vengono paventate anche "palesi violazioni di accordi sottoscritti", l'Azienda ribadisce quanto segue: Nei vari incontri con le OO.SS., la USL Umbria 1 ha sempre rappresentato l'assoluta volontà di applicare quanto previsto dalla legge sulla stabilizzazione (Legge Madia) per tutti i dipendenti che ne avessero fatto richiesta possedendone evidentemente i requisiti. In data 31 maggio 2021 è stata adottata, al riguardo, la Delibera n. 660 ed in data 3 giugno sul sito aziendale sono stati pubblicati i relativi bandi: uno per il Comparto ed uno per la Dirigenza. I bandi suddetti sono "aperti" e le domande potranno pervenire entro la data del 31 dicembre 2021. Ad oggi sono pervenute 45 domande di cui 40 relative al Comporto e 5 relative alla Dirigenza; per tutte le domande sono in corso le verifiche dei requisiti, ma entro il 20 agosto si conta di adottare la delibera per la stabilizzazione degli aventi a diritto.Di tutto questo ne sono ben a conoscenza le OO.SS. nonché tutti i dipendenti. Non risultano alla USL Umbria 1 palesi violazioni di accordi già sottoscritti né fughe di massa così come rappresentato da CGIL, CISL e UIL. Fonte com abstract

Pubblicato in Salute

(CIS) – Perugia ago. - "Dall'aggiornamento settimanale elaborato dal Nucleo epidemiologico regionale emerge in Umbria la tendenza alla stabilizzazione del dato di incidenza con 83 casi positivi al covid per 100.000 abitanti. In data 4 agosto sono stati riscontrati 187 nuovi positivi, mentre il 5 agosto i positivi sono 147": lo ha reso noto l'assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, a commento dei dati elaborati da Carla Bietta e Marco Cristofori del Nucleo epidemiologico. Ricordando che dal 9 di agosto gli under 30 che hanno aderito alla campagna di vaccinazione potranno in sostituzione del green pass, effettuare gratuitamente un tampone collegandosi da domani 6 agosto, tramite il portale regionale al link https://vaccinocovid.regione.umbria.it/cup/vaccini/ricerca-assistito-vaccino-covid.xhtml, ha reso noto che tra i cittadini umbri di età compresa tra i 20 e 29 anni risultano vaccinati in 37.630 e prenotati 13.082, con una copertura (tra vaccinati e prenotati) del 64,4 per cento, mentre per la fascia di età compresa tra i 12-19 anni, i vaccinati sono 13.498 e 10.372 i prenotati, con una copertura del 37.6 per cento. "In particolare nella fascia di età tra i 12 e 19 anni – ha detto l'assessore – invitiamo tutti a aderire alla campagna vaccinale per poter raggiungere entro settembre l'obiettivo dell'immunità di gregge che è vitale in particolare in vista della riapertura delle scuole". "Nel corso dell'anno scolastico 2020/21 – ha aggiunto l'assessore come si legge in una nota – gli alunni positivi individuati grazie al tracciamento della Regione, sono stati 4416 (777 nella scuola d'infanzia, 1907 nella primaria, 880 nella scuola secondaria di I grado, 802 nella secondaria di II grado), mentre i positivi tra il personale scolastico sono stati 1113. I contatti stretti di classe in isolamento sono stati 48.324 e 2500 le classi in isolamento".  segue

Pubblicato in Salute


(CI)S – Ancona, ago. - Il reinserimento nella vita sociale e lavorativa delle donne con pregresso carcinoma mammario è la finalità del progetto integrato sperimentale, approvato assieme a quelli per altre 3 province dalla Regione Marche. Il progetto è finanziato dall'avviso pubblico Regione Marche: DGR 1046 del 27 luglio 2020 "POR Marche FSE 2014-2020 Asse 1 Priorità 8.iv – Azione 8.4 B e 8.4 C. con 150mila euro dei 750mila euro di risorse a disposizione. L'iniziativa, presentata questa mattina a Palazzo Raffaello in una conferenza stampa, pone grande attenzione ai diritti delle donne e in particolare a coloro che desiderano rientrare al lavoro o trovare un'occupazione dopo un periodo di allontanamento dovuto alla malattia e necessitano di un percorso di accompagnamento integrato, che preveda anche vari tipi di intervento finalizzati ad un recupero emotivo e professionale. Capofila del progetto è l'Area Vasta2 di Ancona, in collaborazione con l'AOF Associazione Oncologica Fabrianese e l'agenzia del lavoro During. Alla realizzazione contribuiranno alcuni soggetti esperti come Meccano Spa in rappresentanza delle imprese, l'Associazione Kulturando di Fabriano esperta di pari opportunità, orientamento e formazione, Digital Smart e Progetto Crescita di Fano, il Centro Papa Giovanni XXIII° ed il Polo9 di Ancona. segue

Pubblicato in Salute


(CIS) – Perugia lug. - - A partire dal 15 luglio ripartirà in Umbria la somministrazione delle prime dosi di vaccino: lo ha reso noto il commissario per l'emergenza covid, Massimo D'Angelo, spiegando che in questi giorni sarà somministrata la prima dose di vaccino ai soggetti di età compresa tra 59 e 30 anni, circa 16 mila, già prenotati e a coloro, sempre di questa fascia di età, che avevano chiesto di spostare la data per la somministrazione della prima dose. Parallelamente entro il fine settimana incominceranno a ricevere i primi sms con la prenotazione della vaccinazione i 29.686 under 30 che avevano dato la preadesione. I turisti presenti in Umbria - e' detto in una nota - potranno richiedere, collegandosi al portale regionale dedicato, la somministrazione della seconda dose per motivi eccezionali e qualora si permanga per un periodo tra i 10 e 15 giorni. I giovani sotto i 30 anni saranno vaccinati con vaccino Moderna dalla prossima settimana insieme ai 16.836 ragazzi di età compresa tra i 12 ai 19 anni che riceveranno sempre a partire dalla stessa data il vaccino Pfizer. Il ciclo vaccinale avrà quindi la seguente articolazione: Le classi di età 12-59 anni (coorti 2009 - 1962) riceveranno il vaccino Pfizer con la seconda dose a 28 giorni estensibile fino a 42 su richiesta del cittadino per esigenze specifiche. segue

Pubblicato in Salute


(CIS) – Perugia lug. - Il direttore della sanita' umbra Braganti ha detto che "in seguito ai Tavoli di verifica del MEF e Ministero della Salute del 5, 6 e 7 luglio il disavanzo presente nei conti relativi alla sanità, ridottosi a circa 21 milioni con dati a pre-consuntivo e costituito essenzialmente da costi covid non ancora coperti, è stato rifinanziato attraverso una rimodulazione nell'assegnazione delle risorse del fondo sanitario a valere sul 2020 e una maggiore copertura dei costi connessi all'emergenza, in attuazione dell'istituto della flessibilità e anche grazie all'assegnazione delle somme a parziale copertura delle spese covid sostenute fino al 31 maggio 2020 da parte del Commissario Straordinario nazionale". Scendendo nello specifico e ripartendo da quanto già spiegato in precedenza il direttore regionale ha ricordato "che la situazione economico-finanziaria della sanità in Umbria presenta delle criticità strutturali già dagli ultimi esercizi finanziari. Il Tavolo Adempimenti MEF, già nel corso del 2020 in occasione della consueta verifica dei conti ai sensi dell'art. 1, comma 174 L. 311/2004, ha rilevato come il pareggio di bilancio dell'ultimo triennio sia stato raggiunto essenzialmente attraverso l'utilizzo di poste straordinarie. Il Servizio sanitario regionale negli ultimi mesi ha aggiornato e rielaborato i dati di pre consuntivo 2020, anche rispetto alle quantificazione ed attribuzioni dei costi sostenuti per l'emergenza, al fine di garantire il massimo utilizzo delle risorse destinate per la copertura dei relativi costi. A seguito di questo lavoro, il disavanzo a pre-consuntivo al 5 luglio 2021 in sede di Tavolo di verifica ammontava a circa 21 milioni di euro per la quasi totalità riconducibili a spese covid". segue

Pubblicato in Salute

(CIS) – Citta' di Castello (Pg) lug. - Il dottor Stefano Martinelli è il nuovo direttore della struttura complessa di Anestesia e rianimazione dell'ospedale di Città di Castello. La presentazione è avvenuta lunedì 5 luglio, nella sala riunioni della direzione del nosocomio, alla presenza del direttore generale dell'Usl Umbria 1 Gilberto Gentili e di quello sanitario Massimo D'Angelo, del direttore del presidio ospedaliero Alto Tevere Silvio Pasqui e del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta. Con l'occasione è stata inaugurata simbolicamente anche la nuova unità di terapia intensiva, denominata "Modulo Arcuri", voluta dall'ex Commissario straordinario per l'emergenza Covid e realizzata, grazie al Piano di Riorganizzazione della rete ospedaliera, per fronteggiare l'emergenza pandemica. Un intervento da 2 milioni di euro che ha consentito di aggiungere 10 posti letto completi a quelli già a disposizione". "Il dottor Stefano Martinelli – ha dichiarato il direttore generale Gilberto Gentili – è un medico capace, dotato di grande umanità che sarà in grado di ricoprire con competenza e professionalità questo importante ruolo all'ospedale di Città di Castello. Ora il problema sta nel riuscire a mantenere una squadra numericamente adeguata alla luce delle difficoltà oggettive a reperire medici specialisti non solo in anestesia ma anche in altri campi".Dello stesso avviso il sindaco Luciano Bacchetta che si è detto "soddisfatto della nomina del primario. E' un bel segnale – ha proseguito - che ci fa pensare alla normalità. L'ospedale di Città di Castello ha fatto la sua parte con il Covid, ne sono molto orgoglioso e per questo ringrazio tutti gli operatori sanitari e i direttori dell'Usl Umbria 1 per tutto quello che è stato fatto. Ora ci dobbiamo concentrare sulla campagna vaccinale che deve continuare".  segue

Pubblicato in Salute


(CIS) – Ancona, lug. - L'assessore alla Sanità della Regione Marche, Filippo Saltamartini, ha visitato, nei giorni scorsi, il Centro nazionale della Lega del Filo d'Oro ad Osimo. Ad accoglierlo il presidente Rossano Bartoli e il presidente del Comitato delle persone sordocieche Francesco Mercurio, insieme ad alcuni dirigenti dell'Ente che hanno potuto raccontare l'attività della Fondazione - che l'assessore conosce da sempre, grazie ai suoi precedenti incarichi - e mostrare la nuova struttura di Via Linguetta. La Lega del Filo d'Oro - spiega una nota - è punto di riferimento in Italia per l'assistenza, l'educazione, la riabilitazione, il recupero e la valorizzazione delle potenzialità residue e il sostegno alla ricerca della maggiore autonomia possibile delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. L'assessore Saltamartini ha espresso apprezzamento per quanto realizzato e per il complesso lavoro che l'Ente svolge da oltre 55 anni, dichiarando l'intenzione di promuovere, a breve, incontri operativi per affrontare questioni legate ai rapporti con la Regione Marche. fonte com abstract 

Pubblicato in Salute

(CIS) - Perugia lug. - Un Corso di preparazione e orientamento per i concorsi di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato per l'AA. 2021/2022 si svolgera' il 14 luglio. Le iscrizioni sono possibili fino al 12 luglio. L'annuncio e' contenuto in una nota del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Perugia che annuncia appunto l'organizzazione di un Corso di preparazione e orientamento per gli studenti che intendano partecipare ai concorsi per l'ammissione ai Corsi di Laurea a numero programmato per l'Anno Accademico 2021/2022. Il Corso si svolgerà dal 14 luglio al 31 agosto 2021. La relativa iscrizione dovrà essere presentata entro le ore 13 del 12 luglio 2021, secondo le indicazioni riportate nella domanda di iscrizione al Corso, di seguito allegata. Tutte le informazioni sul sito del dipartimento: https://www.dimec.unipg.it/ alla pagina: https://www.dimec.unipg.it/dipartimento/corso-di-preparazione-e-orientamento-per-i-concorsi-di-ammissione-ai-corsi-di-laurea-a-numero-programmato/corso-di-preparazione-e-orientamento-per-i-concorsi-di-ammissione-ai-corsi-di-laurea-a-numero-programmato-per-l-a-a-2021-2022. Fonte com abstract

Pubblicato in Salute

(CIS) - Assisi lug. - – L'appropriatezza prescrittiva e l'aderenza terapeutica sono al centro del 2° Corso Teorico Pratico "La farmacia clinica: Dati e indicatori di performance, come utilizzarli per migliorare il Governo clinico" (evento ibrido; meeting residenziale: Assisi, 1-3 luglio 2021, Hotel Cenacolo; lavori disponibili anche in formato digitale-live al link https://www.emec-roma.com/diretta-assisi) appuntamento patrocinato dall'Istituto Superiore di Sanità e dalla Regione Umbria, realizzato con la collaborazione scientifico-culturale della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie - SIFO, che vede confluire nella città di San Francesco i massimi esperti nazionali della governance del farmaco. "La SIFO crede fortemente in questo corso teorico-pratico ed offre tutto il suo contributo di competenze scientifiche alla sua realizzazione perché da sempre è impegnata nella promozione dell'appropriatezza, sia prescrittiva che organizzativa- ha detto Alessandro D'Arpino, vice-presidente della società scientifica -; la considerazione di partenza è semplice: per promuovere l'appropriatezza in tutte le sue dimensioni è necessario disporre di dati, quasi sempre derivanti da data-base amministrativi (big-data).  Tali dati, non sempre si trasformano in informazioni utili, perché è necessario avere la capacità di elaborarli e trasformarli in indicatori semplici e di immediata lettura. La SIFO, offrendo la sua collaborazione a questo evento, intende pertanto sostenere il confronto tra i vari partecipanti e tra tutte le realtà scientifiche di riferimento del settore al fine di condividere strategie e metodi per il corretto utilizzo dei dati al fine di avere con facilità le informazioni necessarie a promuovere appropriatezza. Per noi è importante questa occasione preziosa, perché sviluppa un confronto tra i farmacisti del SSN e le Regioni, attraverso lo scambio di esperienze e l'elaborazione di proposte, al fine di individuare indicatori di performance validi e fruibili a livello nazionale ". abstract fonte com

Pubblicato in Salute

(CIS) – Perugia giu. - Diabete di tipo 1 e trapianto di isole pancreatiche: per la prima volta in Italia, l'Ospedale Niguarda di Milano sperimenta il trapianto con capsule bio-ingegnerizzate prodotte dall' Università degli Studi di Perugia come involucri protettivi per eliminare la terapia immunosoppressiva e allargare la platea dei pazienti candidabili al trapianto. Il progetto vede la collaborazione del Diabetes Research Institute, University of Miami (USA) ed è finanziato dalla Fondazione Italiana Diabete (FID). Lo si legge in una nota dell'ateneo perugino. "Al gruppo di ricerca dell'Ateneo di Perugia, presso il Laboratorio per i Trapianti Cellulari ed Organi Bioibridi – sottolinea il coordinatore Prof. Riccardo Calafiore, direttore della Struttura Complessa di Medicina Interna e Scienze Endocrine e Metaboliche, docente di Endocrinologia del Dipartimento di Medicina e Chirurgia di Unipg - è stato assegnato l'importante compito di microincapsulare le isole pancreatiche umane di donatori d'organo, poiché varò, con il permesso dell'Istituito Superiore di Sanità nel 2003 in maniera pioneristica, e primo a livello internazionale, i trapianti di isole avvolte in microcapsule costituite da alginato di sodio 'clinical grade', un polimero estratto da alghe marine, nel peritoneo di pazienti con diabete di tipo 1 producendo risultati molto positivi. segue

Pubblicato in Salute
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 8 di 67

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information