City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Economia

(CIS) - Perugia gen. - Si è concluso, dopo due giorni di lavori ai quali hanno partecipato il Segretario nazionale Piero Ragazzini e Patrizia Volponi (membro della Segreteria Nazionale), l'XI Congresso regionale della Federazione nazionale pensionati (Fnp) Cisl dell'Umbria*, tenuto a Perugia alla Posta dei Donini. Il Segretario Generale uscente regionale Luigi Fabiani è stato riconfermato per un nuovo mandato con un voto praticamente unanime (solo tre schede bianche e nessun voto contrario). Gli eletti al Consiglio regionale della Fnp Cisl Umbria sono: Luigi Fabiani; Paola Cianchetti; Anna Cristina Ananasso; Franco Angeli; Franco Baldinelli; Rita Benincampi; Santino Bonifazi; Sandro Bordino; Vito Brozzi; Luigi Brusco; Marino Busti; Camillo Campana; Marzia Caracchini; Anna Maria Cari; Ilio Carlini; Marino Casini; Anna Maria Ceccarelli; Mario Ceci; Paola Celicchi; Modesto Cesaretti; Umberto Chiacchieroni; Faliero Chiappini; Mirella Chierico; Maria Cristina Cicalini; Ortenzo Commodi; Flavio Confaloni; Paolo Conti; Maria Grazia Di Giacomo; Giuseppe Di Tanna; Lucia Diamanti; Francesco Dominici; Francesco Ferroni; Renato Foiani; Sante Fraccalvieri; Monica Gabbellini; Giovanna Gigliarelli; Loretta Giustini; Augusta Goretti; Domenico Grilli; Giovanni Guerri; Carla Leonardi; Claudio Mancinelli; Piero Marcheggiani; Beatrice Mariani; Giovanni Marini; Lini Mariotto; Ercole Duccio Mariucci; Fernando Martiri; Marcello Mazzoli; Giovanna Medori; Alessandro Mencaccini; Giorgio Menghini; Felicina Migliorati; Enrico Napolini; Luciana Pampaglini; Alessandro Pampanelli; Gino Pannacci; Maria Anita Paris; Ernesto Perotti; Anna Petrangeli; Gianfranco Piccioni; Patrizia Piergentili; Aldo Porrini; Mario Propersi; Attilio Renzini; Franco Righetti; Chiaro Ronchetti; Massimiliano Rossi; Marco Rotoni; Alessandro Rufini; Giorgio Sabatini; Bruno Sassonia; Silvana Scaramucci; Giulivo Scibinitti; Maria Giuseppa Servillo; Mario Silveri; Franco Smafora; Clara Sportoletti; Gianfranco Taba; Celestino Tasso; Dante Terradura; Raffaello Trentini. fonte com abstrac


(CIS) – Perugia gen. - "L'Umbria che riparte", la relazione economico sociale dell'AUR, Agenzia Umbria Ricerche sarà illustrata giovedì 13 gennaio dalla presidente della Regione Tesei e dal commissario straordinario Aur Alessandro Campi, nel corso di una video conferenza stampa, convocata per le ore 11. All'incontro con i giornalisti parteciperanno la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, il Commissario straordinario dell'AUR, Alessandro Campi, ed i due ricercatori che hanno curato la relazione, Mauro Casavecchia ed Elisabetta Tondini. Fonte com abstract


(CIS) - Perugia gen. - "La nostra forza, il vostro futuro. Insieme verso nuove sfide". All'insegna di questo slogan domani mercoledì 12 gennaio si svolgerà l'VIII^ Congresso regionale dell'Slp-Cisl Umbria, il Sindacato dei lavoratori postali della Cisl, presso il Park Hotel di Ponte San Giovanni (Perugia). Sarà un'importante occasione di riflessione e di dibattito a tutto campo, che spazierà dai temi strettamente sindacali – legati alle grandi trasformazioni ed alle difficoltà che sta vivendo il mondo del lavoro, alla sicurezza ed alle politiche occupazionali, come si legge in una nota – a quelli organizzativi, con un obiettivo ben preciso: rendere il sindacato dei postali Cisl sempre più forte e in grado di rappresentare al meglio i bisogni dei suoi iscritti. Saranno anche analizzati con particolare attenzione i problemi oggi presenti negli uffici postali, nei settori amministrativi e nei centri di recapito del territorio. Al Congresso - conclude una nota - parteciperanno i delegati eletti nelle assemblee precongressuali in rappresentanza di tutte le iscritte e gli iscritti del territorio che, dopo il dibattito, saranno chiamati a rinnovare la dirigenza sindacale Slp per i prossimi 4 anni. Tra gli invitati a partecipare anche i rappresentanti aziendali di Poste e la Segreteria regionale della Cisl. I lavori saranno aperti dalla relazione del segretario Umbro Slp-Cisl Marco Carlini. Presente il segretario naz.le Cisl Nicola Oresta che chiudera' il congresso. abstract fonte com


(CIS) – Ancona, gen. - Oltre 14 milioni di euro di fondi statali e con destinazione vincolata: è la dotazione complessiva messa in campo dalla Regione per il sostegno alle attività produttive e turistiche a seguito dell'emergenza Covid. Si tratta di misure urgenti di indennità a fondo perduto, stanziate dallo Stato, a favore delle piccole e micro imprese di diversi settori colpiti dalla crisi pandemica e che sono state illustrate oggi nella prima conferenza dell'anno dal Presidente Acquaroli e dagli assessori Mirco Carloni e Guido Castelli. Presente all'incontro con la stampa, l'assessore Stefano Aguzzi. Le linee di intervento – spiega una nota - riguardano, in particolare, la ricapitalizzazione delle imprese a cui viene destinata, attraverso Confidi, la somma di 6 milioni di euro; gli aiuti ai settori di intrattenimento e organizzazione di cerimonie (2 milioni e 880 mila euro); il trasporto turistico 592 mila euro; i parchi tematici e divertimento 592 mila euro. Le domande per accedere ai contributi partono dal 17 gennaio prossimo, con termine l'11 febbraio 2022. Il presidente della Regione, Francesco Acquaroli ha voluto sottolineare il buon lavoro svolto dal vicepresidente Carloni anche in veste di coordinatore delle attività produttive in seno alla Conferenza Stato-Regioni: "Un lavoro che si caratterizza anche per la qualità delle scelte e l'importante sforzo condotto: è la prima volta che si aiutano le imprese nella ricapitalizzazione e questo per ridare loro solidità e capacità competitiva. Ricordiamo tutti che le nostre imprese vengono da crisi ripetute: il sisma, quella degli istituti bancari e quindi la pandemia. Allora va dato uno spazio importante a queste misure che potremmo potenziare anche con la nuova programmazione europea per attuare le linee di indirizzo strategico che ci siamo dati e che verranno presto tradotte in leggi". Il presidente, infine, ha augurato un buon 2022 ai giornalisti presenti alla prima conferenza stampa dell'anno "perché sia l'ultimo che ci vede così pesantemente condizionati". segue


(CIS) – Perugia gen. - "Occorre dare un ruolo più incisivo alla contrattazione sociale, ripulendola da procedure rituali e burocratiche, spesso indotte dagli stessi interlocutori istituzionali per limitare l'efficacia sulla comunità a favore di scelte economiche diverse, con spese che sfuggono alla concertazione sindacale. Solo una grande stagione di concertazione è in grado, in questa fase storica, di rilanciare il Paese". Luigi Fabiani, Segretario Generale regionale della Fnp Umbria, cosi' ha detto in apertura dell'XI Congresso della Federazione nazionale pensionati della Cisl-Umbria. Parole accolte dagli applausi della platea dei delegati, a dimostrazione di come il problema sia sentito sia a livello regionale che in tutti i territori. Un Congresso la cui importanza è testimoniata dalla presenza del Segretario Nazionale della Fnp Cisl, Piero Ragazzini. Fabiani, (i rumors, indicano la sua riconferma al vertice della Fnp Cisl dell'Umbria), ha parlato in modo chiaro e diretto sui principali problemi, primo tra tutti quello della sanità: "I tagli selvaggi alla sanità degli ultimi decenni hanno decisamente peggiorato la risposta ai bisogni sanitari dei cittadini, che ogni anno spendono 40 miliardi di euro per superare le difficoltà delle liste d'attesa. In Umbria, ormai da tempo, le organizzazioni sindacali – spiega in una nota il segretario umbro - denunciano le difficoltà che incontrano pensionati e non per accedere alle cure nei tempi e nei modi che la Costituzione garantisce.  segue


(CIS) – Perugia gen. - Le segreterie regionali di FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, FAISA CISAL e UGL FNA, hanno proclamato uno sciopero di 4 ore, per la giornata di venerdì 14 gennaio.Nel rispetto delle leggi 146/90, 83/2000 e successive modifiche ed integrazioni, il personale viaggiante, in caso di adesione, si asterrà dal lavoro secondo le modalità di seguito riportate: PROVINCE DI PERUGIA E TERNI: Servizi autobus urbani ed extraurbani, Navigazione Lago Trasimeno, Minimetrò di Perugia, Mobilità alternativa di Spoleto (percorsi meccanizzati dei parcheggi "Spoletosfera" e "Ponzianina-Rocca" e "Posterna"), Funicolare di Orvieto. Venerdì 14 gennaio, Sciopero di 4 ore dalle 17.30 alle 21.30: Le corse che partono dal capolinea prima dell'orario dello sciopero raggiungeranno comunque il capolinea di destinazione. A Perugia saranno garantiti, con il normale orario, i seguenti servizi: Biglietterie di Piazza Partigiani e Stazione FS; - Ufficio Relazioni con il Pubblico; - Ascensori e scale mobili. A Spoleto, saranno garantiti, con il normale orario, i seguenti servizi: Biglietteria Stazione FS. A Terni saranno garantiti, con il normale orario, i seguenti servizi: Biglietteria del Bus Terminal, l'URP . segue


(CIS) – Perugia gen. - - Dei quasi 55 miliardi necessari per completare il piano di investimenti sulle ferrovie, già destinatarie di oltre 100 miliardi del PNRR, un quinto (11 mld di euro) sono stati stanziati nel bilancio statale del 2022, oltre ad ulteriori 5 miliardi per manutenzioni. Gli stanziamenti andranno a finanziare il Contratto di Programma tra il Mims e Rete Ferroviaria Italiana 2022-2026. Lo ha annunciato il ministro Giovannini, all'inizio della discussione nelle commissioni parlamentari per l'individuazione delle opere prioritarie. Alcune, fondamentali, sono state già indicate dallo stesso Ministro: migliorare le reti ferroviarie di alta velocità e regionali, aumentare le interconnessioni e rinnovare i treni. "Sul tavolo – ha sottolineato l'assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Enrico Melasecche - ci sono 52 nuove opere oggetto di studio di fattibilità da parte di RFI e tra queste ben tre sono per l'Umbria: l'instradamento diretto dei treni della Foligno-Terontola anche verso sud (Chiusi – Orvieto – Roma) grazie alla realizzazione della bretella Borghetto-Castiglione del Lago senza dover più raggiungere Firenze con un sensibile risparmio di tempo; il collegamento di Perugia e Terni all'Alta Velocità; ed il raddoppio della linea Foligno-Terontola. Per l'Umbria si tratta del conseguimento degli ultimi obiettivi storici che vanno a rafforzare i successi già ottenuti in tema ferroviario con il finanziamento dell'integrale ripristino della linea ferroviaria FCU da Sansepolcro a Terni ed il potenziamento della Orte-Falconara, entrambe con somme del PNRR. Il potenziamento e la velocizzazione della Foligno-Terontola rappresenta per questa giunta regionale un obiettivo prioritario. Costituisce infatti il cuore del servizio ferroviario umbro". segue


(CIS) – Perugia gen. – Tante sono le risorse per l'Umbria dai fondi PNRR: serviranno per le ciclovie e impianti sportivi; la centrale produzione idrogeno "green" a Terni; il recupero di edifici scolastici; per i progetti di rilancio economico. "Proietteremo l'Umbria in una nuova dimensione"- ha detto l'assessore regionale Paola Agabiti. Infatti importanti decisioni per l'Umbria sono state assunte nella cabina di coordinamento integrata che si è svolta il 30 dicembre. Sono stati definitivamente approvati i 9 progetti per la realizzazione di impianti sportivi e ciclovie, per un ammontare complessivo 10 milioni di euro. Tali interventi, finanziati nell'ambito del PNRR-Fondo complementare, vanno ad aggiungersi ai 23 milioni con cui verranno realizzati progetti di riqualificazione urbana e lavori di manutenzione delle strade comunali. Altrettanto significativa e di grande rilevanza sarà anche la previsione di realizzare a Terni una delle centrali per la produzione di idrogeno 'green' destinato per l'alimentazione dei treni, che collegheranno la tratta Terni-Rieti-L'Aquila-Sulmona. Per le infrasrutture, la linea Terni-Sulmona, si configura come un importante dorsale tra Lazio, Umbria ed Abruzzo, completando gli interventi per la mobilità ferroviaria nei territori del cratere sisma collegandosi alla tratta Roma-Orte-Falconara e Roma-Pescara. Per le 4 Regioni del sisma sono inoltre state assegnate risorse per un totale di 700 milioni di euro, di cui non meno di 70 milioni afferiranno alla Regione Umbria. Gli interventi riguarderanno il rilancio economico dell'area del cratere prevedendo il sostegno all'industria turistica, la possibilità di nuovi insediamenti produttivi, il supporto alla ricapitalizzazione e crescita dimensionale delle imprese, mediante l'emissione di appositi bandi che verranno pubblicati nei primi mesi del 2022. Fonte com abstrac ALTRA NOTIZIA

(CIS) – Perugia gen. - – "Il progetto di messa in sicurezza e riqualificazione dell'area Fonti della Rocchetta e Valle del Fonno, che prevede anche la realizzazione di un'oasi naturalistica di particolare attrattività ambientale e turistica a livello regionale e nazionale, rappresenta un'occasione preziosa per il rilancio del territorio della fascia appenninica che da anni vive una situazione di declino. Con la sua presentazione, come Regione, vogliamo dare un segnale forte, insieme all'azienda Rocchetta Spa, affinché si torni a parlare di sviluppo. Auspichiamo, pertanto, che attorno al progetto si registri un'unità di intenti e la volontà di assicurare prospettive di futuro alla collettività gualdese e regionale". È quanto ha affermato il vicepresidente della Regione e assessore all'Ambiente, Roberto Morroni, illustrando questa mattina in videoconferenza i contenuti della proposta di recupero e valorizzazione della Zona Fonti della Rocchetta e Valle del Fonno, insieme ai vertici di Rocchetta Spa, l'amministratore delegato Maurizio Bigioni e la responsabile investimenti e sviluppo, Chiara Bigioni, e al direttore tecnico dello studio Sgai, che coordina il progetto, Filippo Forlani.  segue


(CIS) – Perugia dic. – Lo avevamo anticipato in dicembre, e' una conseguenza delle restrizioni sui trasporti causa varianti covid e numeri di contagio in crescita che fanno crollare le prenotazioni; Ryanair, come era avvenuto purtroppo anche lo scorso anno, taglia i voli ed i collegamenti con lo scalo umbro con ridimensionamenti previsti per gennaio. La domanda ha subito un forte calo nelle prenotazioni, per cui Ryanair ha previsto un ridimensionamento attività tra il 10 e 31 gennaio, in attesa di capire quali potranno essere gli ulteriori sviluppi. Dalla Sicilia gia' i primi comunicati; negli aeroporti siciliani la cancellazione dei voli è notevole soprattutto per i collegamenti con il resto d'Europa. Scenderanno anche le frequenze da scali del nord Italia. Per l'aeroporto internazionale dell'Umbria, lo stop interesserà i voli su Palermo, Catania e Londra e Malta. Sui quotidiani siciliani, si da conto dei tagli su Catania, dove c'e' una più intensa presenza di Ryanair. Da Fontanarossa risulta dunque sospeso il collegamento per Bari e per Atene, Malta, Marsiglia e Sofia. Vengono ridotte poi le frequenze per Bergamo, Cagliari, Genova, Malpensa, Perugia, Pisa, Roma, Venezia, Verona, Trieste, Francoforte e Vienna. L'improvvisa flessione delle partenze – dicono fondi della compagnia - ha indotto Ryanair a ridurre del 33% la sua capacità di programma prevista per gennaio. Le riduzioni ci saranno anche per lo scalo di Palermo con sospensione delle tratte nazionali per Cuneo e Perugia e quelle estere per Dusseldorf, Weeze, Edimburgo, Lviv, Marsiglia, Memmingen, Norimberga, Tolosa, Valencia. segue

<< Inizio < Prec. 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Succ. > Fine >>
Pagina 14 di 419

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information