City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Economia


(CIS) – Perugia mag.- La Commissione per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome si e' riunita a Perugia, presieduta dal coordinatore della Commissione e Assessore allo Sviluppo economico della Regione Umbria, in collegamento da Palazzo Donini e alla presenza dell'Ambasciatore della Danimarca in Italia Anders Carsten. Nel corso della riunione sono state presentate dalla Head of Unit-EU and international Coordination della Danish Agency for Digital Government, Pernille Sørensen, le best practice sul tema della digitalizzazione secondo il modello danese. Per il Coordinatore della Commissione ITD e Assessore regionale allo Sviluppo Economico è stata l'occasione per imparare dai migliori della classe. La Danimarca, ha spiegato, è al primo posto secondo l'indice Desi 2021. In quanto Coordinatore della Commissione per l'Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, l'Assessore ha ritenuto di fondamentale importanza favorire l'incontro proprio all'interno della Commissione. Con la presentazione del modello danese, infatti, è stata data l'opportunità a tutte le Regioni di poter condividere quelle buone pratiche – ha detto - nell'ottica di facilitare e stimolare quel percorso condiviso verso la compiuta transizione digitale necessaria al nostro Paese. L'obiettivo è stato pienamente raggiunto, motivo per cui secondo il Coordinatore della Commissione si può dire di essere oggi andati a scuola dai migliori e dai migliori di aver imparato. Fonte com abstrac

--


(CIS) – Roma, mag. – Impegno delle Ferrovie per l'Umbria. Le risorse attribuite al Polo Infrastrutture umbro, così come descritto da vertici Ferrovie dello Stato, costituiscono la parte principale dell'investimento complessivo: 3,56 miliardi di euro. Di questi, 1,4 miliardi riguardano le infrastrutture ferroviarie e saranno per lo più destinati al raddoppio della Orte - Falconara, alla velocizzazione della Foligno – Terontola (fasi) ed al potenziamento della Terni – Rieti – Sulmona (fasi). Ammontano invece a 2,16 Miliardi di euro le risorse destinate alle infrastrutture stradali: tra gli interventi principali il Nodo di Perugia, il completamento della E78 e della Tre Valli Umbre e l'intervento sulla SS318 con il completamento delle Gallerie Picchiarella e Casacastalda. Sono 389 invece i milioni di euro destinati al Polo Passeggeri: 218 in ambito ferroviario, che si tradurranno nell'arrivo di 12 nuovi treni dedicati al trasporto regionale e nel potenziamento dell'offerta sulla Orte – Falconara e 171 milioni per i servizi su gomma del Trasporto Pubblico Locale, destinati alla progressiva messa in circolazione di 474 nuovi mezzi (elettrici, a gas, ibridi e H2). Completano il Piano le risorse destinate al Polo Logistica e al Polo Urbano: per il primo si prevede un potenziamento e lo sviluppo di nuovi collegamenti, che porteranno ad un incremento del fatturato di circa il 60% (2031 vs 2022), mentre per il Polo Urbano si stimano circa 200 mila mq di aree da valorizzare, con i principali progetti che riguarderanno le stazioni di Terni e di Foligno, progetti per lo sviluppo di parcheggi di mobilità elettrica e progetti di riforestazione su aree dismesse.


(CIS) – Perugia mag. - Le importanti opportunità imprenditoriali nel campi dell'energia (in particolare di quella rinnovabile), delle infrastrutture, dell'agroalimentare e del trasferimento tecnologico sono state al centro dell'incontro della Camera di Commercio dell'Umbria e l'Ambasciatore del Perù in Italia, Eduardo Martinetti Macedo, accompagnato dal Consigliere d'Ambasciata, José Carlos Chávarri, e dall'Assistente dell'Ambasciatore Carlos Arias. Per la Camera di Commercio dell'Umbria erano presenti il Segretario Generale Federico Sisti e il Dirigente Mario Pera. L'incontro, avvenuto a Perugia nella sede dell'Ente Camerale, è stato molto cordiale e ha consentito di tracciare appunto, un quadro di importanti opportunità imprenditoriali di collaborazione, gettando così le basi per successivi incontri dove queste opportunità verranno approfondite e ben definite. Soddisfazione è stata espressa dai partecipanti, sia per la sintonia registrata, sia per la volontà dimostrata da entrambe le parti di voler procedere ad aprire nuovi orizzonti di collaborazione. Va ricordato, in questo contesto, che la comunità peruviana in Umbria è molto numerosa e questo certamente rappresenta un'ulteriore opportunità allo sviluppo delle relazioni economiche e imprenditoriali. Fonte com abstract - In foto - Da sx Consigliere d'Ambasciata, José Carlos Chávarri; l'Ambasciatore Eduardo Martinetti Macedo; Federico Sisti, Segretario Generale -


(CIS) – Perugia mag. - È stata un'occasione per coordinare iniziative comuni da portare avanti nei prossimi mesi l'incontro tra i tre Presidenti delle territoriali di Confindustria di Abruzzo, Marche e Umbria che si è svolto ieri a Perugia nella sede dell'Associazione Industriali. Marco Fracassi Presidente di Confindustria Abruzzo, Claudio Schiavoni Presidente Confindustria Marche e Vincenzo Briziarelli, Presidente di Confindustria Umbria, accompagnati dalle relative direzioni, si sono confrontati sui numerosi temi che accomunano l'economia delle tre regioni, tutte "in transizione" in base alla definizione Comunitaria. Gli ambiti principali sui quali si è sviluppato il confronto - sottolinea una nota - sono stati quelli della programmazione dei prossimi fondi comunitari 2021-2027; l'attuazione del Pnrr, anche alla luce degli ecosistemi per l'innovazione; il digitale; le infrastrutture; la formazione tecnica e manageriale; le zone economiche speciali; l'energia e le attività riconducibili alla Associazione Hamu, di cui le tre Confindustrie sono tra i promotori, che sta elaborando progetti strategici per lo sviluppo dei territori in una prospettiva interregionale. I tre presidenti daranno continuità agli incontri trilaterali che hanno l'obiettivo di sviluppare le grandi potenzialità industriali e culturali di questa area territoriale, coinvolgendo, dove utile, anche i relativi referenti istituzionali. fonte com


(CIS) – Perugia mag. "L'economia dell'Umbria presenta in questo momento un periodo di ristagno, se non di recessione, rispetto a quelle che erano le previsioni che erano state diffuse per il 2022 per la nostra regione: la crescita infatti era stimata al 4,6%-4,7%, mentre ora si parla di 2,2%-2,4%". Lo ha affermato il Presidente della Camera di Commercio dell'Umbria, Giorgio Mencaroni, nel video Tv "Il Punto del Presidente". Mencaroni ha evidenziato che "settori come quello dell'industria presentano un passo indietro per quello che riguarda lassunzione di personale rispetto alle previsioni che erano state fatte. La produzione industriale tende a calare e con essa l'occupazione, come dimostra l'indagine Excelsior sulle previsioni di assunzione da parte delle imprese della regione". Il Presidente ha rileva che "ci sono altri settori che presentano segnali abbastanza positivi, come quello dei servizi, ma si tratta di andamenti ondivaghi, con momenti di spinta dove c'è grande necessità di personale e altri momenti di stanca". Mencaroni ha inoltre affermato che al forte aumento delle materie prime, in primis quelli relativi all'energia, e alla disarticolazione delle filiere determinata dal Covid, si è aggiunto l'ulteriore e gravissimo elemento della guerra in Ucraina, che ha accentuato la pressione sia sui prezzi energetici e più in generale le materie prime, compresi ad esempio il grano e altri prodotti agricoli. segue


(CIS) – Perugia mag. - Sostegno all'export, internazionalizzazione e rafforzamento degli investimenti delle PMI per la transizione ecologica e digitale. Questi i temi strategici al centro delle intense giornate di formazione che SACE, partner di riferimento per le imprese italiane che esportano e crescono nei mercati esteri, ha recentemente dedicato a Sviluppumbria, Agenzia per lo Sviluppo Economico della Regione Umbria, nell'ambito del protocollo di intesa sottoscritto da Regione Umbria e SACE. In linea con le priorità definite dall'Assessorato allo Sviluppo Economico, promotore del protocollo, la formazione – spiega una nota - persegue l'obiettivo di ampliare la conoscenza dei prodotti e servizi di SACE tra le imprese del territorio regionale. Gli incontri di formazione hanno visto coinvolti gli esperti di SACE, che hanno trasferito il proprio know how specialistico e presentato tutta l'operatività del Gruppo al personale di Sviluppumbria. Particolare attenzione è stata riservata alle garanzie green di SACE a supporto della transizione ecologica, a Garanzia Italia per sostenere la liquidità delle aziende colpite dall'emergenza sanitaria, così come agli strumenti formativi messi a disposizione dall'hub SACE Education e alle opportunità offerte nell'ambito dei business matching organizzati da SACE.  segue


(CIS) – Ancona, mag. – Sono due i bandi regionali fondamentali nella strategia di miglioramento del posizionamento competitivo internazionale delle PMI marchigiane emanati oggi. I bandi, attivati nell'ambito del POR FESR 2014-2020, godono di una dotazione finanziaria complessiva che ammonta a 6,2 milioni di euro che potrà essere integrata con le risorse del POR FESR 2021-27 non appena approvato. "Sosteniamo la riorganizzazione e la digitalizzazione delle imprese stimolando la ricerca di nuovi mercati" – ha detto il vice presidente delle Marche Mirco Carloni. Il primo dei due bandi in uscita, con un importo stanziato di 4,2 milioni di euro, è finalizzato alla "transizione tecnologica e digitale dei processi produttivi e dell'organizzazione" ed è volto a favorire l'adozione di soluzioni innovative di riorganizzazione, transizione digitale e garantire un migliore posizionamento competitivo a livello internazionale, attraverso la concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di progetti di innovazione dei processi produttivi, della organizzazione aziendale soprattutto attraverso attività di trasformazione tecnologica e digitale. segue


(CIS) – Perugia/Roma, mag.- "Grazie a questo nostro emendamento, il limite temporale di impiego (oltre i 24 mesi) dei lavoratori assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato dall'Agenzia per il Lavoro e inviati in missione a termine presso la medesima azienda, fissato dalla legge 215/2021, viene prolungato al 30 giugno 2024. Diventa così possibile superare tale limite senza che ciò determini in capo all'utilizzatore la costituzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato con il lavoratore somministrato. Questo consente quello che, di fatto, era un ostacolo alla continuità occupazionale dei lavoratori in somministrazione. La Lega di governo lavora perchè le migliaia di professionalità e le loro legittime aspettative, in questo caso oltre 110mila, non vadano disperse, rappresentando al contrario, una solida realtà che aiuti il Paese a ripartire dopo un biennio drammatico per il mondo del lavoro".Così la senatrice  umbra della Lega Valeria Alessandrini, firmataria dell'emendamento e capogruppo in commissione Lavoro. Fonte com


(CIS) – Perugia mag.- Il turismo umbro, reduce da un 2021 di crescita superiore alla media nazionale sia in termini di presenze che di arrivi, sta proseguendo nel 2022 la sua marcia di avvicinamento verso i livelli pre-covid del 2019 (marcia nella quale l'Umbria appare decisamente avanti rispetto alla media nazionale), segnando tra l'altro un aumento da 41,7 a 70,6 euro della la spesa media giornaliera pro capite dei turisti, il che riflette una domanda turistica in grado di premiare una buona offerta, dimostrandosi aperta anche a pagare di più per un prodotto/servizio di qualità. Sono i risultati del 1° Report di Analisi economico-territoriale per la regione, realizzato da Isnart per la Camera di Commercio dell'Umbria, in stretta collaborazione con Unioncamere. Le potenzialità e i nodi strutturali, le previsioni per l'anno in corso, la multistagionalità che finalmente guadagna un po' di terreno, il turismo straniero che resta molto debole. I forti aumenti dei costi subiti dagli operatori a partire dalla seconda metà del 2021, derivanti dalla gestione delle spese resa difficoltosa dal Covid-19, hanno obbligato – spiega una nota della Camera di Commercio - le imprese del settore a destinare parte del bilancio per nuove spese impreviste (ad esempio la messa in sicurezza delle camere a livello igienico-sanitario), e anche a causa dei maggiori esborsi sostenuti per effetto dei maxi rincari delle materie prime, che ha impattato fortemente su tutta la filiera dei costi, oltre alla difficoltà della gestione delle prenotazioni a fronte di possibili disdette causa Covid-19, coniugate a una aggressività di prezzo da parte delle piattaforme di prenotazione, il 60% degli operatori ricettivi umbri, secondo le prime anticipazioni raccolte sul campo, ha registrato perdite – più del 54% del dato italiano – con meno di 2 operatori su 10 che hanno invece ottenuto utili.  segue


(CIS) – Perugia mag. - Le delegazioni dei Gal provenienti da Portogallo, Finlandia, Estonia e Lituania, ma anche quelle italiane del Gal Campidano, che insiste sul territorio cagliaritano, e del capofila Gal "Valle umbra e Sibillini" sono ospiti da oggi martedì 10 maggio e fino a venerdì prossimo del Gal Trasimeno-Orvietano per dare ulteriore impulso al progetto di cooperazione transnazionale denominato "Global echo-Inno eco", che ha l'obiettivo di sviluppare il concetto di economia sostenibile in Europa. Saranno proprio gli scenari lacustri e quelli di Orvieto e dintorni a fare da sfondo all'organizzazione del seminario finale che si terrà in Estonia dal 6 all'8 giugno e soprattutto ad una serie di visite nelle migliori aziende umbre dei due comprensori, dove si potrà toccare con mano l'applicazione del modello di "Economia Circolare" utilizzata nei territori a carattere extra urbano. Il progetto di cooperazione, avviatosi nel 2017, tratta uno dei temi fondamentali individuati dalla strategia della UE nel periodo di programmazione 2014-2020 in materia di Green Economy, utilizzando lo scambio di buone pratiche tra paesi europei all'avanguardia in tema di innovazione, di sviluppo sostenibile e di pratiche di economia circolare, ponendosi come valore aggiunto alla conoscenza e allo sviluppo di nuove tecnologie nei processi di gestione delle risorse del territorio e proponendo così alle aree interessate una nuova metodologia di sviluppo sostenibile già collaudato.  segue

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 416

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information