City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Salute


(CIS) – Perugia ott. - - Lavorare seriamente per cambiare una gestione malata della sanità pubblica regionale, quella delle precedenti amministrazioni, è evidentemente un obiettivo che fa paura a chi ha contribuito per anni a far sì che tutto rimanesse uguale. Lo stato di salute del sistema sanitario umbro ogni anno passa sotto la lente del Giudizio di parificazione del rendiconto generale della Corte dei Conti, e da almeno cinque anni le principali segnalazioni della Corte sono le stesse: difficoltà nel mantenimento dell'equilibrio economico, mancata centralizzazione delle procedure di acquisto per contenere i prezzi di fornitura, eccessivo ricorso ai contratti a tempo determinato e ai contratti libero professionali per il personale medico e sanitario, sforamento del tetto per la spesa farmaceutica, mancati controlli sulla qualità e l'appropriatezza delle prestazioni sanitarie rese dalle strutture accreditate.  Lo si legge in una nota regionale. Avendo ben presente ciò, apparirà evidente che chi oggi paventa un depotenziamento della sanità pubblica, nel peggiore dei casi è stato complice della decadenza della sanità umbra dell'ultimo decennio e, nel migliore, compie una strumentalizzazione di una situazione complessa che riguarda l'intero sistema sanitario nazionale. La realtà è che, nonostante l'annus horribilis della pandemia più tragica della storia recente, la Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e l'Assessore regionale alla Salute Luca Coletto hanno deciso di far cambiare passo al sistema, come puntualmente evidenziato nel Giudizio della Corte dei Conti. Fonte com abstract ALTRA NOTIZIA


(CIS) – Ancona, ott. - "Garantire la dignità di sentirsi belle anche nella malattia". Con questa finalità lo IOM di Jesi e della Vallesina onlus ha donato un casco refrigerante di nuova generazione all'Oncologia dell'Ospedale Carlo Urbani di Jesi. Assicura la refrigerazione del cuoio capelluto, prevenendo, nel 50% dei casi, l'alopecia causata da alcuni farmaci chemioterapici. "Le cure oncologiche non riguardano solo la sfera farmacologica, ma anche quella psicologia delle pazienti, coinvolgendo un concetto che abbraccia non solo la parte medica, ma anche la capacità delle persone ad autostimarsi per reagire alla malattica e agevolare la cura", la sintesi degli interventi registrati nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'apparecchio, che si è tenuta nella Sala della direzione medica del presidio "Murri", adiacente al "Carlo Urbani". Sono intervenuti, tra gli altri, l'assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini, il direttore generale Asur Marche Nadia Storti, il sindaco Massimo Bacci, la presidente IOM di Jesi Anna Quaglieri, il dirigente medico UOSD Oncologia Mobin Safi. "È un macchinario importante che dovremmo garantire a tutte le donne colpite da patologie neoplastiche – ha evidenziato l'assessore Saltamartini –.  segue


(CIS) – Gubbio/Branca ott. - Sono stati donati in memoria di Lino Brizi all'Ospedale Branca, da parte dell'associazione Festa d'Autunno Pro Valfabbrica, un elettrocardiografo, un apparecchio per la telemetria e due carrozzine per il trasporto dei pazienti. Il Centro Ictus del presidio ospedaliero dell'ospedale Gubbio - Gualdo Tadino avra'  quindi a disposizione i macchinari e i presidi, del valore complessivo di circa 10mila euro, consegnati nei giorni scorsi da Barberina Bazzucchi, vedova di Lino Brizi, dalla figlia Eleonora e da Marta Bazzucchi, presidente dell'associazione. Erano presenti i dottori Fischer Bergith, della direzione medica del presidio ospedaliero di Branca, Silvia Cenciarelli, direttore della Neurologia aziendale della Usl Umbria 1, e Tatiana Mazzoli, responsabile del Centro Ictus di Branca."Con profondo riconoscimento – ha affermato la direzione sanitaria del presidio ospedaliero e del Centro Ictus, come riporta una nota – ringraziamo la famiglia del signor Lino Brizi che ha affrontato con estrema dignità una difficile e dolorosa condizione clinica. Questo gesto generoso, oltre ad essere un dono materiale per la preziosa utilità, è anche un dono intellettuale non meno prezioso: la memoria. La grande forza di spirito dimostrata dalla famiglia nell'affrontare la sfida della malattia e delle cure ha impresso un esempio di resilienza e ha sottolineato l'importanza della relazione di fiducia reciproca tra persone e l'importanza della cura della persona come essere umano e non solo come malato". Fonte com abstract


(CIS) – Parma, set. - Un nuova centrale di sterilizzazione dotata di tecnologia di ultima generazione, in grado soddisfare un fabbisogno di oltre 7.500 interventi chirurgici all'anno, che utilizza sistemi e apparecchiature a basso impatto ambientale e progettate per contenere i consumi energetici, e' in funzione all'ospedale di Vaio a Fidenza, in provincia di Parma. il nuovo impianto, progettato e realizzato dall'azienda umbra SoGeSi spa, e' stato appunto inaugurato oggi all'Ospedale di Vaio a Fidenza, ma era già in funzione dal 2 agosto scorso - data dell'installazione operativa – per fornire un servizio attivo sulle 24 ore e 7 giorni su 7, in modo da coprire le necessità dell'attività chirurgica nelle sale operatorie, oltre che di tutti i reparti, ambulatori e Servizi sia ospedalieri che del Distretto di Fidenza. La nuova centrale di sterilizzazione – si legge in una nota - rappresenta un servizio fondamentale nella gestione di un ospedale ed è un punto cardine nella prevenzione delle infezioni correlate all'assistenza. La societa' SoGeSi spa - spiega una nota - si è aggiudicata anche la fornitura del servizio di sterilizzazione per sette anni per un importo complessivo di 4,3 milioni di euro. L'azienda umbra, con sede a Ponte San Giovanni, garantirà anche il noleggio e la manutenzione dello strumentario chirurgico e di altri dispositivi necessari all'attività ambulatoriale, e inoltre ha fornito gli arredi e le apparecchiature necessarie all'installazione e al funzionamento della centrale, che è stata realizzata in locali messi a disposizione dall'Azienda Usl. segue


(CIS) – Fabriano set. - Appuntamento, a Fabriano (alle 16.30 presso la sede dell'Unione Montana di Via Dante n.268) per gli "incontri di ascolto" come li ha definiti l'assessore Saltamartini, in vista della revisione del Piano sociosanitario delle Marche. Dopo la pausa estiva, riprende il confronto dell'amministrazione regionale per ascoltare esigenze e priorità dei territori. L'assessore alla Sanità Filippo Saltamartini ha convocato i sindaci dell'Ats 10 (Ambito territoriale sociale di Fabriano, Cerreto d'Esi, Genga, Sassoferrato, Serra San Quirico), le organizzazioni sindacali e gli ordini professionali. "Continuiamo la serie di incontri, già avviati, per costruire insieme ai territori un Piano realmente rispondente alle necessità delle comunità locali – ha affermato Saltamartini –. La pandemia ha posto nuove esigenze che vanno a sommarsi a quelle che le comunità locali già reclamavano. Le risposte che la Regione Marche offrirà, con la nuova programmazione sanitaria, scaturiranno dall'ascolto e dalla condivisione con le esigenze manifestate". Fonte com abstract


(CIS) – Perugia set. - I risultati di uno studio che coinvolge i ricercatori Universita di Perugia (UNIPG) pubblicati sull'European Journal of Preventive Cardiology pone attente valutazioni sulla organizzazione del SSN. E' nozione diffusa che la pandemia da COVID-19 stia avendo un impatto assai rilevante sulla organizzazione sanitaria e delle cure nel nostro Paese, che si traduce in una più difficoltosa presa in carico di pazienti portatori di altre patologie (non-COVID), anche importanti, che finiscono a volte con l'essere penalizzati. Lo si legge in una nota dell'Università degli studi di Perugia. Mentre questo problema è facilmente percepibile a livello di organizzazione ospedaliera per patologie acute o urgenti, meno noto è il possibile impatto della pandemia sul grande numero di pazienti che soffrono di patologie croniche, altrettanto potenzialmente rilevanti. Una risposta a questo quesito viene da una recente ricerca di un gruppo di lavoro cui hanno attivamente contribuito i Professori Giuseppe Ambrosio e Paolo Reboldi, del Centro di Ricerca Clinica e Traslazionale – CERICLET del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell'Università degli Studi di Perugia. Insieme ai colleghi di altri Centri, i ricercatori Unipg hanno analizzato l'intero Registro Nazionale istituito da AIFA per monitorare le prescrizioni di farmaci anticoagulanti, indispensabili per il trattamento di patologie assai rilevanti, quali la fibrillazione atriale e la trombosi venosa, per prevenire il rischio di embolie gravi e potenzialmente fatali. segue


(CIS) – Foligno, set. - - Martedì 21 settembre si aprirà a Palazzo Trinci di Foligno il primo meeting di confronto in Umbria sulle patologie con evoluzione a demenza e sul ruolo dello psicologo, promosso dall'Ordine degli Psicologi dell'Umbria in collaborazione con Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e patrocinato dal Comune di Foligno. Il convegno sarà occasione per un puntuale confronto sulle patologie che comportano l'alterazione progressiva di alcune funzioni di severità tale da interferire con gli atti quotidiani della vita, provocare perdita di autonomia, disturbi del comportamento e richiedere un intervento assistenziale. L'evento sarà aperto alle ore 8.30 da Filippo Bianchini, Consigliere dell'Ordine degli Psicologi dell'Umbria, e da Rita Bellanca, psicologa e psicoterapeuta. Seguiranno i saluti istituzionali del Sindaco del Comune di Foligno, del Direttore Generale USL Umbria 2, del Presidente dell'Ordine degli Psicologi dell'Umbria e Presidente CNOP David Lazzari, e di Claudia Mazzeschi, Direttore FISSUF dell'Università degli Studi di Perugia. Il convegno si svilupperà in due sessioni. La prima sessione approfondirà gli aspetti psicologici nelle demenze, soffermandosi sulla rilevazione precoce dei disturbi cognitivi nell'adulto e sugli strumenti di valutazione e le prospettive di prevenzione e cura. segue


(CIS)- Bologna, set. - Numerosi i riconoscimenti del lavoro svolto durante l'emergenza sanitaria dalle farmacie e i farmacisti, presidi e professionisti fondamentali non solo per la dispensazione dei farmaci, ruolo storico delle farmacie, ma anche per il consiglio e la rassicurazione del paziente, la battaglia contro le fake news. Senza dimenticare i servizi, tra cui quelli aggiuntivi introdotti di recente, a partire dai tamponi antigenici e i vaccini. Tutti elementi ricordati dal Ministro della Salute Roberto Speranza che, intervenendo alla manifestazione l'11 settembre ha affermato che "le 19.000 farmacie italiane sono pienamente parte del Servizio Sanitario Nazionale". Cosmofarma si conferma dunque il luogo di eccellenza per la formazione, l'aggiornamento, la proposta e l'innovazione dell'intero comparto di farmacia. La manifestazione dà appuntamento per la prossima edizione dal 6 all'8 maggio 2022. "Questi 4 giorni a Cosmofarma ReAzione sono stati la testimonianza di quanto sia forte la voglia di ripartire dopo questa difficile emergenza. Sono stati infatti tantissimi i farmacisti che, finalmente in presenza – ha detto Andrea Mandelli Presidente della Federazione Nazionale dei Farmacisti Italiani (FOFI) - hanno avuto l'opportunità di confrontarsi senza la mediazione di un freddo monitor". "Soprattutto sono tante le testimonianze di rappresentanti istituzionali e di esperti che ci hanno confermato come il percorso intrapreso in questi anni sia stato vincente: i farmacisti e le farmacie sono stati, e sono, punto di riferimento strategico nella lotta al Covid-19 proprio grazie alle loro competenze e alla capacità di rinnovarsi accettando le sfide del cambiamento. segue


(CIS) – Bologna, set. - Inaugurata a Bologna Cosmofarma ReAzione che con le tante iniziative e' al centro da oggi, fino a domenica 12 settembre, con un calendario di incontri, dibattiti, convegni dedicati al mondo farmacia. Eccezionalmente in contemporanea con Sana-Salone internazionale del biologico e del naturale e Onbeauty by Cosmoprof, Cosmofarma ReAzione punta sulla capacità di ripresa di un comparto che in questi due ultimi anni ha subito una forte evoluzione e il cui mercato mostra una chiara tendenza alla ripresa: il canale Farmacia ha fatto registrare, in estate, un trend in crescita, +5%, rispetto al 2020 e in recupero anche rispetto allo stesso periodo del 2019, +2,9%, secondo i dati New Line RDM. Il Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, intervenuto oggi alla cerimonia di inaugurazione della quattro giorni, ha sottolineato il ruolo svolto da Cosmofarma: "Cosmofarma è da sempre un appuntamento fondamentale nel suo settore. Quest'anno lo è ancora di più, alla luce della drammatica pandemia che stiamo ancora affrontando, potendo però contare sui vaccini: un'occasione per fare il punto con i migliori professionisti italiani e non solo e confrontarci sulla sanità del futuro. Un modello che va reso a misura di cittadino, ancor più inclusivo e che garantisca a tutti l'accesso ai servizi, puntando sulla medicina di territorio. La ripartenza deve basarsi su massicci investimenti nella sanità pubblica e universalistica". segue


(CIS) – Perugia ago. - – In riferimento al comunicato stampa congiunto di CGIL, CISL e UIL diramato lo scorso 14 agosto - dal titolo "Sanità, sindacati: la USL Umbria 1 non stabilizza il personale, e continua la fuga verso altre regioni" e pubblicato su alcune testate regionali - nonché alla nota pervenuta dalle stesse OO.SS. (Organizzazioni sindacali) sullo stesso argomento alla Direzione Generale dell'USL Umbria 1 in data odierna (lunedì 16 agosto), nella quale vengono paventate anche "palesi violazioni di accordi sottoscritti", l'Azienda ribadisce quanto segue: Nei vari incontri con le OO.SS., la USL Umbria 1 ha sempre rappresentato l'assoluta volontà di applicare quanto previsto dalla legge sulla stabilizzazione (Legge Madia) per tutti i dipendenti che ne avessero fatto richiesta possedendone evidentemente i requisiti. In data 31 maggio 2021 è stata adottata, al riguardo, la Delibera n. 660 ed in data 3 giugno sul sito aziendale sono stati pubblicati i relativi bandi: uno per il Comparto ed uno per la Dirigenza. I bandi suddetti sono "aperti" e le domande potranno pervenire entro la data del 31 dicembre 2021. Ad oggi sono pervenute 45 domande di cui 40 relative al Comporto e 5 relative alla Dirigenza; per tutte le domande sono in corso le verifiche dei requisiti, ma entro il 20 agosto si conta di adottare la delibera per la stabilizzazione degli aventi a diritto.Di tutto questo ne sono ben a conoscenza le OO.SS. nonché tutti i dipendenti. Non risultano alla USL Umbria 1 palesi violazioni di accordi già sottoscritti né fughe di massa così come rappresentato da CGIL, CISL e UIL. Fonte com abstract

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 7 di 54

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information