City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Cronaca

(CIS) – Roma, apr. - In questi giorni di emergenza Covid-19 in Italia Medici Senza Frontiere (MSF) sta supportando le autorità sanitarie italiane che da settimane lavorano senza sosta per assistere i pazienti. Per aiutare a fronteggiare questa epidemia, le équipe mediche di MSF sono in azione in ospedali e strutture per anziani nel lodigiano e nelle Marche. I team composti da medici, infettivologi, infermieri e anestesisti (alcuni rientrati anche dall'estero -ndr-), stanno aiutando a proteggere le strutture, gli operatori sanitari e i medici di famiglia perché possano continuare a curare tutti i pazienti, sia quelli affetti da Covid-19 che gli altri. Questo il messaggio di MSF. Questa epidemia sta colpendo tutti noi e solo insieme possiamo combatterla. In questo momento serve la solidarietà di tutti, compresa la tua. Il messaggio dei Medici senza Frontiere si chiude con la richiesta di solidarieta'; Per questo scendi al nostro fianco. Il tuo sostegno ci permette di rispondere all'emergenza COVID-19 che sta colpendo l'Italia e altri Paesi del mondo. Fonte com

(CIS) – Roma, apr. – I NAS, Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, sono stati attivati da alcune procure del nord Italia per controlli nelle case di cura dove sono deceduti moltissimi anziani, ma controlli ispettivi e repressivi sono in corso in varie regioni, per verificare la regolarità delle attività distributive di dispositivi medici e di impiego sanitario, nonché all'accertamento di pratiche commerciali illegali o fraudolente. In una nota del Comando NAS d'Italia, (CZ, Caserta, Napoli, Bologna...ecc.) si da conto degli interventi, eseguiti anche mediante verifiche incrociate su flussi commerciali import/export, hanno consentito di intercettare dispostivi e presidi medici privi di requisiti o importati su canali non ufficiali.L'intensa domanda di mascherine facciali ha determinato un'intensificazione dell'offerta commerciale, anche con ordinazioni su canali on-line, non sempre corrispondente ad una adeguata idoneità dei prodotti. Infatti, nel corso delle attività degli ultimi giorni, i NAS hanno operato numerosi interventi, individuando e sequestrando 8.100 mascherine di varie categorie, dalle semplici antipolvere, a quelle chirurgiche fino ai dispositivi di protezione individuale (come FFP2), risultate irregolari, prive delle caratteristiche dichiarate da produttori e venditori e oggetto di importazione con modalità non consentite. Altro segmento commerciale caratterizzato dalla presenza di prodotti privi dei requisiti obbligatori - spiega una nota - è quello relativo agli igienizzanti: sempre negli ultimi giorni sono state bloccate 14.800 confezioni di prodotti vantanti qualità antimicrobiche e disinfettanti non possedute e peraltro in assenza di qualsiasi registrazione come biocidi o presidi medico-chirurgici. Nelle varie operazioni sono stati deferiti all'Autorità giudiziaria 6 titolari di esercizi produttivi e commerciali ed ulteriori 16 sono stati sanzionati amministrativamente per complessivi 25 mila euro. fonte com abstract

(CIS) – Roma, apr. - La commissaria alla salute della Ue Stella Kyriakides, cipriota, in un colloquio telefonico, con il ministro Speranza ha valutato il documento dell'Ecdc in cui si manifesta seria preoccupazione per un eventuale allentamento delle misure restrittive nei paesi in piena emergenza Covid. "Siamo ancora nel pieno dell'emergenza, occorrono cautela e gradualità - ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza - per non vanificare i grandi sacrifici fatti finora". Il documento della UE evidenzia che "complessivamente, continuano ad essere segnalati aumenti significativi dei casi COVID-19 e dei decessi dai paesi UE / SEE e dal Regno Unito. Inoltre, nelle ultime settimane, il sistema europeo di monitoraggio della mortalità per tutte le cause ha mostrato una mortalità in eccesso per tutte le cause superiore al tasso atteso in Belgio, Francia, Italia, Malta, Spagna, Svizzera e Regno Unito, principalmente nella fascia di età di 65 anni e al di sopra di questa eta'. Di recente, in alcuni paesi UE / SEE – sottolinea tra l'altro il documento -, il numero di nuovi casi e di nuovi decessi segnalati quotidianamente sembra essere leggermente diminuito. Tuttavia, molti paesi UE / SEE stanno attualmente testando solo casi gravi o ospedalizzati, pertanto queste tendenze devono essere interpretate con cautela. Nonostante le prime prove da parte di Italia e Austria che il numero di casi e decessi stia diminuendo, al momento non esiste alcuna indicazione a livello UE / SEE del raggiungimento del picco dell'epidemia. Le rigorose misure di allontanamento fisico sono altamente distruttive per la società, sia a livello economico che sociale. Vi è quindi un interesse significativo nel definire un valido approccio alla riduzione. Tuttavia, a meno che l'incidenza delle infezioni non sia ridotta a un livello molto basso in un determinato contesto, la trasmissione continuerà fino al raggiungimento di una soglia di protezione della popolazione. segue

(CIS) - Perugia apr. - Comune di Perugia: EMERGENZA COVID19/TUTTI I NUMERI UTILI

In un unica pagina sul sito del Comune e sui canali social dell'ente tutti i numeri a disposizione dei cittadini, in questo periodo di emergenza sono pubblicati i seguenti seguenti:

Protezione Civile comunale: 075 577 3116/3117 attivi tutti i giorni dalle 8-20; Servizio Spesa a domicilio: Numero verde 800035880; Servizio Farmaci a domicilio: 075 5272711Servizi sociali Comune di Perugia: 075 577 2357/2773; Uffici di cittadinanza: 075 577 2990 - 2995 - 2997 - 3540 - 3544; Aiuto psicologico Usl: Numero verde 800636363; mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Centro Antiviolenza comunale: 075 6976073 - 3423029409 - attivi h24; Centro Antiviolenza regionale: Numero veerde 800861126 - attivo h24; Centro Antiviolenza nazionale: 1522; Aiuto psicologico per ragazzi fino a 27 anni: Chat Telegram: contatto_Covid19 ----    Fonte com

(CIS) – Perugia apr. - I numerosi fondi spesi negli scorsi anni per alcune manifestazioni non possono, a nostro avviso, essere previsti nel bilancio 2020. I grandi eventi di Perugia, che da soli portano un indotto di turisti significativo, hanno un costo assai basso per le casse comunali: un esempio è proprio il Festival del Giornalismo, il quale ha usufruito di un contributo nel 2019 di soli 15.000 euro, a fronte di una manifestazione di carattere Internazionale, che ha portato a Perugia molti giornalisti – e non solo - da tutto il mondo e numerosi turisti e spettatori, che hanno animato la nostra città nei giorni del festival. Nello stesso anno, Perugia 1416 ha usufruito invece di un contributo comunale di quasi 100.000 euro; una cifra, a nostro avviso, spropositata in relazione all'apporto culturale, turistico ed economico alla città. Lo scrive in una nota il Pd al consiglio comunale di Perugia che critica la volontà degli organizzatori di Perugia 1416, di "spostamento di questa, all'interno dello stesso anno".Il rischio e' di creare, in un periodo ancora fortemente complicato, assembramenti (evitabili) di persone. Ci auguriamo - prosegue la nota PD - che il Comune non preveda nel proprio bilancio nessun tipo di contributo, tantomeno così consistente, e che possa indirizzare le poche risorse disponibili per fronteggiare l'emergenza che stiamo vivendo. L'emergenza legata alla diffusione del Covid19, e le azioni messe in campo per il contenimento del virus, porteranno certamente dei benefici alla salute pubblica e al contrasto della pandemia. segue

(CIS) – Perugia apr. - L'Associazione Francesco Guardabassi di Perugia, appartenente al Grande Oriente d'Italia, ha donato questa mattina al Comune di Perugia 20 pc portatili da destinare, attraverso l'assessorato al Welfare del Comune, a bambine e bambini, ragazze e ragazzi, che, per qualche sfortunata ragione, si trovano a vivere situazioni di difficoltà. Siamo consapevoli - si legge in una nota dell'associazione- del fatto che l'egregia opera che i servizi di Assistenza Sociale del Comune di Perugia svolgono in maniera costante, impegnativa e continuativa, in questo particolare momento viene ad assumere un'importanza ancor più rilevante e delicata poiché è volta anche a cercare di mantenere e favorire il più adeguato equilibrio nei rapporti umani e sociali tra gli assistiti e le famiglie, nonché con la società civile. Proprio per questo riteniamo che un contributo in questo specifico settore possa aiutare, da un lato, ad agevolare le funzioni sociali del comune, dall'altro a dare un sorriso ed un'opportunità a coloro che potranno usufruire di questi computer. Ci auguriamo, conclude la nota, che il nostro gesto possa costituire un piccolo tassello nella (ri)costruzione di un mondo migliore, principalmente nel rispetto del senso civico che tutti noi dobbiamo costantemente rispettare e praticare e soprattutto che possa contribuire positivamente al progresso ed al miglioramento dell'Umanità." Soddisfazione da parte del sindco Romizi e dell'assessore Cicchi. Per l'amministrazione è di particolare conforto poter contare su tanta vicinanza concreta. Ciò ci permette di sostenere meglio i cittadini in difficoltà, in particolare famiglie e giovani. Abstract fonte com

(CIS) – Magione Apr. - – E' stato pubblicato il bando della XXII edizione del Premio nazionale Vittoria Aganoor Pompilj riservato a pubblicazioni di carteggi e corrispondenze e a componimenti in forma di lettera organizzato dal Comune di Magione. La cerimonia di premiazione si terrà a Monte del lago, Magione, domenica 6 settembre nell'ambito del Festival delle corrispondenze. La prima sezione del premio è riservata alle case editrici che possono partecipare con pubblicazioni di carteggi e/o corrispondenze epistolari di figure rappresentative, in ambito culturale, della società italiana. I carteggi e/o gli epistolari devono essere trascritti e curati seguendo rigorosi criteri filologici dichiarati dal curatore. Le opere devono essere state stampate nei tre anni precedenti la data di pubblicazione del bando (2018-2020). La seconda sezione, la cui partecipazione è libera e gratuita, è riservata a componimenti in forma di lettera su tema scelto annualmente dal comitato organizzatore. Tema della XXII edizione è "il conforto" ispirato alla frase: "Le tue parole mi giunsero come carezze..." tratta dal volume Vittoria Aganoor, Lettere d'amicizia a Marina Sprea Baroni Semitecolo (1881-1909), a cura di Ornella Pittarello. abstract fonte com ALTRA NOTIZIA IN PAGINA

(CIS) – Ancona, apr. - La Regione Marche, tramite il POR FSE, ha stanziato 1.120.000 euro per la realizzazione di 10 percorsi di Istruzione Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) al fine di ampliare e migliorare le opportunità di occupazione degli inoccupati/disoccupati e di offrire possibilità di riqualificazione agli occupati. "Con questa offerta che porterà alla formazione di dieci figure professionali – spiega l'assessore al Lavoro, alla Formazione e all'Istruzione Loretta Bravi - si intende sostenere il tessuto produttivo regionale attraverso la diffusione e l'innalzamento del livello tecnologico delle competenze per concorrere al mantenimento della competitività delle nostre imprese sia a livello nazionale che internazionale. Pertanto verrà emanato apposito Avviso Pubblico per la realizzazione di 10 percorsi formativi in tutto il territorio regionale nei settori che più caratterizzano le Marche: servizi commerciali, tecnologie informatiche, meccanica, metalmeccanica e meccatronica, edilizia, impiantistica, turismo e sport, manifattura e artigianato. L'elemento innovativo dei corsi IFTS consiste nella possibilità del riconoscimento a livello europeo delle competenze acquisite, ai fini della mobilità lavorativa e di ulteriori esperienze formative. Sono corsi che tendono a specializzare i ragazzi e le ragazze nei settori produttivi più competitivi della regione e di conseguenza offrono delle reali opportunità di impiego in quanto nascono da collaborazioni tra scuole, università, agenzie di formazione professionale e mondo del lavoro".I destinatari dei progetti IFTS sono disoccupati/inoccupati e occupati, residenti o domiciliati nella regione Marche. segue

(CIS) – Perugia apr. - "Tutto è compiuto" è il titolo della quinta "Lettera settimanale di collegamento" del cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti alla comunità diocesana di Perugia-Città della Pieve, il cui testo integrale è scaricabile dal link: http://diocesi.perugia.it/la-v-lettera-settimanale-collegamento-del-cardinale-gualtiero-bassetti-alla-comunita-diocesana-nel-tempo-del-coronavirus-martedi-7-aprile-2020/. Il mondo che cambia. Ritrovando tra le sue «vecchie carte» una meditazione che tenne per il Venerdì Santo del 2000, l'anno del «Grande Giubileo voluto e preparato da san Giovanni Paolo II», il cardinale Bassetti, nell'introdurre la sua lettera, sottolinea quanto l'ultimo ventennio non si sia trattato tanto «di un'epoca di mutamenti, ma di una vera rivoluzione, che possiamo definire "cambiamento d'epoca". C'è però un fatto che consola e apre alla speranza: Gesù Cristo. Egli è colui che "era", che "è" e che "verrà". E come 20 anni fa, anche oggi, grazie a Dio, al timone della barca di Pietro c'è una guida sicura e forte, il nostro amato papa Francesco». Lo sguardo sulla croce. «La mia riflessione – spiega il presule – è per orientare a vivere bene il Venerdì Santo. Vi invito perciò a fissare lo sguardo su Gesù inchiodato alla croce. Egli non può più far altro che pendere e soffrire. Anche per noi vengono tali ore, in cui non possiamo far nulla: è un po' quello che stiamo vivendo in questo periodo di pandemia, e non ci resta che perseverare con Dio». Tutto offrì al Padre. «È sempre l'innocente che soffre per il colpevole – scrive Bassetti –. È sempre il seme che deve morire se vuol portare frutto. Neppure a Gesù fu risparmiato nulla di quanto possa chiamarsi miseria umana. Tutto offrì al Padre, con libero atto di accettazione, come sacrificio infinito di lode, di ringraziamento e di espiazione per gli uomini. Soffrì la desolazione e l'abbandono. Lottò e combatté la sua battaglia, fra lacrime e tormenti ...».  segue

(CIS) – Assisi apr. - Per dare sostegno non solo alle famiglie dei bambini e ragazzi dei quali si prende ogni giorno cura, ma anche a coloro che si ritrovano da soli ormai da settimane ad affrontare la grave emergenza sanitaria in corso, l'Istituto Serafico di Assisi ha attivato su tutto il territorio nazionale un numero verde attraverso il quale un'equipe multidisciplinare di medici e professionisti potrà rispondere alle richieste dei genitori in difficoltà. Per parlare con gli esperti del Serafico basterà contattare il numero verde 800 090 122, che sarà attivo tutti i pomeriggi, dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 17. Quella contro il coronavirus è una battaglia che si combatte ormai da settimane su più fronti e che lascia spazio – e' detto in un nota - a un'altra emergenza, quella delle persone con disabilità e delle loro famiglie. Se infatti contro il Covid-19 si lotta in prima linea nei reparti di pronto soccorso e in quelli di terapia intensiva, non bisogna dimenticare tutti quegli avamposti che continuano senza sosta, a prendersi cura delle persone più fragili, una delle categorie più a rischio di contagio, non solo perché a causa della loro condizione clinica e fisica hanno maggiori probabilità di contrarre il virus e di subirne complicanze gravi, ma anche perché necessitano di una costante assistenza. Tra questi c'è l'Istituto Serafico di Assisi, che accoglie in modo stabile gli 80 ragazzi ricoverati in regime residenziale che, a causa delle misure restrittive imposte dalle Autorità, non possono rientrare a casa, né possono ricevere le visite dei genitori. Si tratta di bambini e ragazzi con disabilità gravi e gravissime, che attualmente vivono in 6 residenze. Sebbene il Decreto-Legge del 17 marzo 2020 n. 18, il cosiddetto decreto "Cura Italia", abbia imposto la chiusura dei centri diurni dedicati ai disabili per contenere la pandemia - pur garantendo loro gli interventi non differibili e prevedendo l'attivazione dell'assistenza domiciliare su richiesta delle famiglie, con estensione del congedo per chi ha diritto alla legge 104 – è importante tenere conto che l'erogazione di queste attività richiede tempistiche non immediate per l'attivazione di nuovi accordi e di una nuova organizzazione delle prestazioni. segue

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 698

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information